FINANZA E MERCATO

Costi di esercizio. Il ministero aggiorna i valori di riferimento per la fatturazione di MARZO

18 marzo 2016

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato sul nuovo portale web (che si presenta con un restyling grafico e una navigazione, maggiormente intuitiva) l’atteso aggiornamento del costo del gasolio per autotrazione, al netto dell'Iva e/o dello sconto del maggior onere delle accise, utile per le fatturazioni di questo mese.

Il prezzo totale al consumo del gasolio rilevato dal MISE (ministero dello Sviluppo Economico), a FEBBRAIO 2016 è stato di 1.192,42 euro per mille litri (359,99 euro è il prezzo industriale, 215,03 l’Iva e 617,40 l’accisa), ancora in calo rispetto ai mesi precedenti.
Il valore di riferimento del costo del gasolio per i servizi di trasporto effettuati nel mese di FEBBRAIO, quindi è di:

– 0,977 euro/litro per i veicoli di massa complessiva a pieno carico fino a 7,5 ton al netto dell'Iva;

– 0,763 euro/litro per i veicoli di massa complessiva a pieno carico superiore a 7,5 ton al netto dell'Iva e del rimborso parziale delle accise.

In allegato trovate la tabella del MIT con i valori indicativi di riferimento dei costi di esercizio di un'impresa di autotrasporto merci in conto terzi.

La quantificazione del gasolio viene fatta, come sempre, sulla base dei riscontri del MISE mentre per quanto riguarda le altre voci di costo, riportate nella tabella a titolo esemplificativo rispetto ai veicoli di massa superiore a 26 ton, il ministero non provvede più a effettuare l'aggiornamento con cadenza annuale, ma fa riferimento a fonti diverse (come il CCNL) o a criteri generali affinché ognuno possa poi autonomamente effettuare i propri calcoli.

In base alla legge di Stabilità 2016 dal 1° gennaio 2016, il credito di imposta relativo all’agevolazione sul gasolio per autotrazione degli autotrasportatori non spetta per i veicoli di categoria Euro 2 o inferiori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home