ACQUISTI

SmartOpen-C, la tapparella isotermica Chereau

18 marzo 2016

È rivoluzionaria la nuova tapparella sviluppata da Chereau per chiudere (e aprire) velocemente i box isotermici, risparmiando tempo, energia e migliorando la produttività

Pratica e allo stesso tempo efficace è la soluzione che Chereau ha messo a punto per i propri box isotermici; certamente più efficiente dei due portelloni o di altri sistemi visti finora che presentavano comunque controindicazioni. Nasce così SmartOpen-C, la soluzione efficace alle varie criticità dei precedenti sistemi. 

Per iniziare, il soffitto interno è totalmente libero e facilita i passaggi di roll e di pallet alti grazie all’altezza interna uguale all’altezza utile, mentre la larghezza è ottimizzata per facilitare carico e scarico. A parità di ingombro esterno, SmartOpen-C garantisce un’altezza utile maggiore di 50 mm, con un ingombro posteriore ridotto di altri 50 mm che consentendo di caricare un pallet in più per semirimorchio.

Grazie al doppio comando interno ed esterno, l’apertura è molto semplice e si consuma in meno di 10 secondi, così da potersi richiudere al passaggio di ogni pallet e preservare il freddo, con un risparmio fino al 10% sui consumi di carburante, ma anche consentire giri di distribuzione più lunghi grazie al mantenimento di una temperatura adeguata più a lungo, a tutto vantaggio soprattutto dei carichi di surgelati. Al contenimento dei consumi provvede anche la carenatura esterna della sede della tapparella quando è sollevata, con tanto di spoiler ed estrattore (come sulle Formula 1) a migliorare ulteriormente l’aerodinamica complessiva. Senza dimenticare che lo scorrimento esterno impedisce alla sporcizia che si deposita in viaggio sulla tapparella di entrare nel box isotermico, con ovvie ricadute sull’igiene.

Una cura particolare è stata dedicata alla costruzione della SmartOpen-C: il collegamento tra i pannelli isotermici non prevede cerniera, ma un elemento di gomma che garantisce una maggiore tenuta; mentre il sistema delle guide di scorrimento è completamente protetto, non richiede regolazione delle rotelle né pulizia particolare, riducendo così la manutenzione, anche perché il motore all’esterno non è sottoposto a freddo, umidità e urti. Il movimento è garantito da un motore elettrico con riduttore planetario e trasmissione a catena, mentre la gestione intelligente della coppia di spunto all’avvio e all’arresto prevede un’accelerazione e una decelerazione a velocità variabile.

Il comando, costituito da due semplici tasti e realizzato in acciaio inox è esterno, incassato nel montante destro posteriore, accessibile da terra o dalla banchina di carico; come opzione se ne può montare un secondo all’interno. Sono previsti anche un indicatore di autodiagnostica per la manutenzione, l’apertura di emergenza dall’esterno con la chiave e una sicurezza antichiusura con apertura manuale a cinghia. Infine, una cellula fotoelettrica blocca il meccanismo in caso si registri una presenza (umana o un carico) sulla corsa della tapparella e tutto il movimento è estremamente silenzioso, conforme alla normativa Piek.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home