UFFICIO TRAFFICO

#sullabuonastrada. Parte oggi la campagna del MIT sulla sicurezza stradale

22 marzo 2016

È partita oggi #sullabuonastrada, la nuova campagna di comunicazione sulla sicurezza stradale del ministero dei Trasporti, rivolta a tutti gli utenti della strada con l’obiettivo di mantenere alto il livello di attenzione sui rischi connessi all’uso dei veicoli e sull’importanza del rispetto delle norme del Codice della strada.

I dati Istat relativi al primo semestre del 2015 indicano un aumento dell’ 1,0 % del numero delle vittime, anche se restano in diminuzione gli incidenti (-2,9%) e i feriti (-3,8%), allontanando l’obiettivo europeo di dimezzare il numero delle vittime per incidente nel 2020 rispetto al 2010.

«Mettersi per strada è una cosa seria – afferma il ministro dei Trasporti Graziano Delrio – Le cause di incidenti mortali sono principalmente legate ai comportamenti personali. Quando ci mettiamo alla guida di un’auto o di altri mezzi, siamo tutti chiamati alla responsabilità verso la nostra vita e quella degli altri. Il rispetto di misure semplici, ma obbligatorie, come l’utilizzo di cinture posteriori e anteriori o del seggiolino per i bambini, contribuirebbe in modo importante alla salvezza di vite umane.»

«Tornare indietro è impossibile: resta sulla buona strada» è il claim utilizzato quest’anno; cinque spot con sei persone protagoniste, ognuna con le proprie passioni, desideri e aspettative che raccontano come un comportamento sbagliato, dato dalla distrazione o dal mancato rispetto del codice della strada, abbia influito per sempre sulla loro vita o su quella degli altri.

Le diverse problematiche al cento di ogni spot sono: Uso delle cinture di sicurezza; Distrazioni alla guida; Visibilità da parte dei ciclisti; Velocità e utenti deboli della strada; Dispositivi di sicurezza per bambini.

In tema di cinture di sicurezza: Ricerche scientifiche indicano che chi non indossa la cintura ha un rischio di morte in un incidente stradale doppio rispetto a chi invece la indossa. Complessivamente, in Italia se la percentuale di utilizzo delle cinture fosse del 100% si potrebbero evitare oltre 300 decessi l’anno. Indicazioni del Codice della strada (art. 172): L’utilizzo delle cinture di sicurezza è obbligatorio. Il mancato uso da parte del guidatore, o degli altri passeggeri, prevede una sanzione amministrativa e una decurtazione di 5 punti patente.

In tema di distrazioni alla guida: Sono diversi gli studi che hanno esaminato gli effetti dell’utilizzo del cellulare durante la guida. Ciò che è emerso è che il rischio di incidente per chi utilizza tale dispositivo durante la guida è fino a 4 volte superiore rispetto a chi non ne fa uso. Indicazioni del Codice della strada (art. 173): È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore. Chiunque violi tale indicazione è soggetto a sanzione amministrativa e ad una decurtazione di 5 punti patente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

VIDEO

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home