FINANZA E MERCATO

Iveco e DAF accantonano 450 e 850 mln €: vicina la decisione UE su «cartello dei camion»

30 marzo 2016

Sembra essere suonata la campanella dell’ultimo giro per l’indagine condotta a partire dal 2011 dalla Commissione europea per appurare l’esistenza di un cartello tra costruttori di camion. Dopo che infatti già lo scorso anno sia Daimler che Volvo avevano annunciato accantonamenti di capitali (600 milioni la prima e 400 milioni la seconda) per far fronte a un’eventuale sanzione, adesso praticamente in contemporanea sia CNH Industrial sia Paccar annunciano di aver accantonato per le rispettive società controllate Iveco e DAF Truck le somme di 500 e 945 milioni di dollari dall’attivo del primo trimestre 2016. In pratica 450 e 850 milioni di euro. In effetti al di là della somma messa da parte – quasi doppia nel caso di DAF – la comunicazione fornita dalle due case madri è praticamente parallela, nel senso che entrambe giustificano l’accantonamento delle somme ricordate sulla base di «recenti sviluppi». Una frase identica, presente in entrambe le note, che farebbe presumere che ormai i tempi della decisione sono maturi.

Entrambe comunque si dimostrano serene dal punto di vista finanziario. CNH Industrial riferisce che «l’accantonamento sarà contabilizzato come evento straordinario e si ritiene non sia deducibile fiscalmente». Quindi aggiunge di disporre delle «risorse finanziarie sufficienti per far fronte a pagamenti per importi commisurati all’accantonamento».

Dal canto suo la statunitense Paccar, per bocca di Bob Christensen, Chief Financial Officer , ha sottolineato che «Paccar è in ottime condizioni finanziarie», ricordando poi che negli ultimi 10 anni ha generato una media annuale di 1,8 miliardi di cassa, raggiungendo lo scorso anno il record di 2,5 miliardi.

Ricordiamo che nella relazione annuale 2015 la divisione MAN di Volkswagen AG specifica che sta collaborando con le autorità nelle indagini, ma non ha previsto alcun accantonamento. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home