FINANZA E MERCATO

Trasportatrice USA tra le 15 donne più ricche al mondo: ha 12.000 camion e i dollari li fa con l'intermodale

5 aprile 2016

Le 15 donne più ricche al mondo. È la classifica stilata da Business Insider, andando a pescare in particolare tra quelle che vengono definite “self made woman”, donne che si sono fatte da sole. Ebbene in questa classifica di signore che vantano ricchezze superiori a quelle di molti Stati del pianeta, compare anche una trasportatrice, Johnelle Hunt, fondatrice insieme al marito Johnnie Bryan (scomparso poi nel 2006), della JB Hunt, una società di trasporti nata ufficialmente nel 1961, nell’Arkansas. È interessante ricordare che allora Johnelle e Johnnie Bryan erano poco più che padroncini, disponendo di appena cinque veicoli. Oggi, con una progressione costante nel corso degli anni e grazie anche alla quotazione in borsa, la JB Hunt è diventata la più grande azienda di trasporto degli Stati Uniti con un fatturato annuo di oltre 10 miliardi di dollari. Mentre Johnelle che oggi ha 84 anni, vanta un patrimonio di 2,5 miliardi di dollari.

JB Hunt opera principalmente con autoarticolati che garantiscono servizi di trasporto a carico completo in tutti gli Stati Uniti, in Canada e in Messico, potendo confidare su 16.000 dipendenti e su un parco veicolare di oltre 12.000 camion e di 47.000 semirimorchi e container. Ma la cosa più interessante e che dovrebbe far riflettere molti trasportatori italiani è che il 61% dei ricavi della società e il 77% dei profitti deriva da attività intermodali. Dal 1989, infatti, la JB Hunt Transport collabora con le ferrovie, caricando i container sui treni per poi attivarsi per lo scarico nella stazione di arrivo e per la consegna finale.

Ah, a proposito: nella classifica delle 15 donne più ricche del mondo compare anche Giuliana Benetton, che a 68 anni vanta un patrimonio di 2,7 miliardi di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home