ACQUISTI

Bauma: Anteprima mondiale per il nuovo Eurocargo 4x4

13 aprile 2016

Iveco coglie l’occasione del Bauma 2016, importante fiera dell’industria delle costruzioni, per presentare il nuovo Eurocargo in versione 4x4

Iveco partecipa al Bauma 2016, il salone che si sta svolgendo in questi giorni a Monaco leader del settore attrezzature, macchinari e veicoli per l’edilizia e le costruzioni, esponendo diversi mezzi per le attività di movimento terra: il nuovo Eurocargo 4x4, il Nuovo Daily 4x4 con cassone ribaltabile su 3 lati, il Trakker 6x6 con cassone ribaltabile su 3 lati e l’Astra HD9 8x6 con cassone ribaltabile.

Per il nuovo Eurocargo 4x4, questo è il suo debutto europeo. Agevole sia nei cantieri urbani sia fuoristrada – grazie a un angolo di sterzata, da 40 a 48 gradi in base al pneumatico utilizzato – la versione 4x4 del nuovo Eurocargo è disponibile sia con cabina corta sia lunga con tetto standard. La massa totale a terra può essere di 11,5 e di 15 ton con passi da 3.240 a 4.150 mm.

Equipaggiato con motore Tector 7 da 220 e 250 CV nella versione da 11,5 ton, da 250 e 280 CV nella versione da 15 ton, il nuovo Eurocargo è l’unico veicolo Euro VI della sua categoria ad adottare un solo dispositivo di post-trattamento dei gas di scarico, il sistema HI-SCR con filtro antiparticolato passivo (DPF).

In questa versione off-road include diverse protezioni come i paraurti in lamiera, i gradini di accesso retraibili e uno specifico riparo per il radiatore. Offre, inoltre, un gancio di traino anteriore ed è disponibile con la presa di forza.

Il cambio è di tipo manuale ZF, a sei velocità, con un sistema servoshift per cambi di velocità semplici anche nelle condizioni di lavoro più impegnative. La trazione integrale permanente è possibile grazie a un differenziale longitudinale che distribuisce la coppia tra gli assali anteriore e posteriore. È possibile selezionare un rapporto veloce o lento di erogazione della coppia in base alla missione (on-road/off-road). Inoltre, i tre bloccaggi differenziali garantiscono la trazione anche in condizioni di bassa aderenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home