LOGISTICA

Rotterdam: bisticci legale tra l'Autorità portuale e la ECT

21 dicembre 2011
Sembrano diatribe di casa nostra e invece una volta tanto arrivano da quei contesti tradizionalmente indicati come esempio di efficienza e di rigore. Stiamo parlando del porto di Rotterdam, vale a dire il più grande d'Europa, dove sta scoppiando un conflitto insanabile tra la locale Autorità portuale e l'ECT, vale a dire la società terminalistica che appartiene al colosso di Hong Kong Hutchison Port Holdings.
Ebbene questa società gestisce attualmente tre terminal a Rotterdam (il Delta, l'Euromax e il CIty), ma siccome a partire dal 2014 il porto godrà di un deciso ampliamento con la costruzione del Maasvlakte 2, sostiene che tale progetto finirebbe per avvantaggiare altre società terminalistiche a suo svantaggio. E per questo pretenderebbe un risarcimento di ben 900 milioni di euro. L'Autorità portuale dal canto suo non ne vuol sapere e controbatte sostenendo di aver trattato tutti i terminalisti allo stesso modo. E così passa alle vie di fatto citando in causa la ECT. Ma la querelle avrà sicuramente ulteriori sviluppi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home