LEGGI E POLITICA

Commissione UE a Conferenza dei Trasporti: “Le regole sul cabotaggio sono non chiare e inapplicabili”

21 aprile 2016

Confronto costruttivo sui principali temi del settore, ma pochi risultati pratici alla Conferenza Internazionale sui Trasporti di Bruxelles. Rilevante comunque la posizione della commissaria trasporti UE, Violeta Bulcche si è spesa decisamente contro le attuali regole sul cabotaggio che, a suo giudizio, non sono chiare e sono inapplicabili”

Secondo la Bulc, gli Stati membri hanno la tendenza ad attuare regole proprie per il trasporto stradale,creando così incertezza, onere amministrativi e costi per le imprese transfrontaliere"Questo potrebbe mettere in pericolo il mercato unico – ha detto la Bulc -  Gli operatori devono ricordarsi di regole molto diverse per essere conformi ed evitare multe”. Ciò avviene, a giudizio della commissaria, soprattutto per le regole sul cabotaggio, che gli attori del trasporto ritengono "quasi all’unanimità" non chiare e spesso inattuabili. La Bulc si è anche occupata dei diritti degli operatori dei trasporti, come i conducenti dei mezzi pesanti, in particolare quelli che lavorano su più Nazioni: “Se un autista rimane in un Paese per un lungo periodo o svolge attività in una determinata Nazione regolarmente, dovrebbe ricevere il salario minimo del Paese in questione".

Tra gli altri temi dibattuti la revisione di alcune normative: sull’accesso alla professione ed al mercato; sulla tassazione delle infrastrutture; sulla liberalizzazione dei mercatisul distacco dei lavoratori e sull’elasticità dei tempi di guida.

Alla Conferenza hanno partecipato alcune organizzazioni di categoria italiane. Secondo ANITA è emersa una certa incertezza sulle soluzioni più idonee da mettere in atto per rispondere da un lato alla domanda di trasporto crescente, per limitare l’impatto ambientale, e dall’altro lato alla volontà di arginare il fenomeno della concorrenza sleale.

Numerosa anche la delegazione di ConfcommercioConftrasporto, guidata dal vicepresidente di Confcommercio e presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, e dal segretario generale di Conftrasporto, Pasquale Russo. Secondo l’organizzazione occorre rilanciare il settore dei trasporti il sistema economico italiano nel suo complesso che, a causa delle inefficienze logistiche, perde ogni anno circa 42 miliardi di euro di PilLa delegazione ha partecipato alle discussioni per il Regolamento sull’accesso ai servizi portuali, per il pacchetto sul trasporto stradale e il quarto pacchetto ferroviario e per le questioni sociali nell’autotrasporto. La Confederazione attiverà nei prossimi mesi l’Osservatorio Trasporti e Logistica in collaborazione con l’Isfort.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home