LEGGI E POLITICA

Studi di settore 2010: fino al 29 febbraio si può giustificare la propria non congruità

22 dicembre 2011
Sembra che il concetto di congruità cominci scricchiolare sotto il peso della crisi. E così anche l’Agenzia delle Entrate lascia spazio a correzioni. È sufficiente al riguardo andare sul sito internet dell’Agenzia (http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/home/cosadevifare/dichiarare/studisettoreparametri/studisettore/compstudisett/software+compilazione+segnalazioni+unico+2011) e utilizzare un particolare software gratuito (nella sezione “Home – Cosa devi fare – Dichiarare – Studi di settore e parametri – Studi di settore – Compilazione”) che consente a contribuenti e intermediari di comunicare informazioni o elementi in grado di giustificare una situazione di non congruità, non normalità o non coerenza, risultanti dall’applicazione degli studi di settore per il periodo d’imposta 2010, oltre all’indicazione in dichiarazione di cause di inapplicabilità o di esclusione. La trasmissione delle segnalazioni potrà essere effettuata fino al 29 febbraio 2012.
Il software in questione si chiama: “Segnalazioni studi di settore UNICO 2011” e permette l’invio di comunicazioni con cui trasmettere dati utili a giustificare lo scostamento rispetto alle risultanze degli studi di settore, entro un termine più ampio di quello normalmente previsto per la trasmissione delle dichiarazioni dei redditi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home