UFFICIO TRAFFICO

Furti camion: la polizia mette le manette al «rapace dei camionisti»

24 maggio 2016

Per alcuni mesi è stato l’angoscia dei camionisti che in transito sulle arterie toscane dovevano fermarsi a riposare nelle piazzole autostradali. Fermarsi, anche se solo per poche ore, era infatti diventato un incubo perché si diventava facili prede del cosiddetto «rapace dei camionisti», l’uomo che rubava denaro e merce proprio sfruttando i fermi dei veicoli nelle aree di sosta. 

Questo fino a qualche giorno fa perché la buona notizia è che il «rapace dei camionisti» è stato finalmente arrestato dalla Polizia di Massa Carrara che ha messo le manette a un avellinese di 45 anni dopo averne raccolto gli indizi necessari per riuscire finalmente a rintracciarlo nel suo magazzino e arrestare. All’interno del magazzino gli agenti hanno trovato buona parte della merce rubata negli ultimi mesi.

Il «rapace dei camionisti» non usava mai lo stesso modus operandi, per non farsi scoprire della Polizia. Ma una rapina sulla A/15 gli è stata fatale. Di notte, nell'area di sosta di Santo Stefano Magra (Sp), l'uomo ha agito ai danni di un camion in sosta, carico di ferro lavorato; con l’ausilio di un bastone spaccava un vetro della cabina di guida ma, vista la pronta reazione dell'autista, è scappato accontentandosi di pochi euro. La scena però è stata ripresa dalle telecamere ed è stata sufficiente per mettere sulla giusta strada gli investigatori che avevano notato dei veicoli che, in coincidenza con l'ora della rapina per percorrere un tratto di strada prossimo all'area di sosta, ci avevano impiegato un tempo esageratamente lungo. Da qui gli investigatori sono risaliti ai proprietari dei mezzi intercettando rapinatore e deposito di stoccaggio della merce rubata. All’interno del deposito gli agenti hanno anche sequestrato un’apparecchiatura per rintracciare le comunicazioni della polizia stradale, una pistola, guanti, timbri e targhe false, da sostituire ai camion dopo il furto e superare tranquillamente i posti di blocco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home