ACQUISTI

MAN: la rincorsa dell'efficienza

2 maggio 2011

Benedetta crisi! Almeno una cosa ce l’ha insegnata: l’era degli sprechi è finita. Chi non è efficiente, chi non contiene le spese, chi non si calibra con la domanda del mercato viene tagliato fuori. La lezione è per tutti, aziende di autotrasporto comprese. E MAN che intende sostenerle in tale apprendimento ha studiato un veicolo – un TGX ottimizzato definito EfficientLine – che serve essenzialmente a uno scopo: limare i costi di esercizio. Ma siccome il gasolio assorbe circa il 30% di tali costi, ecco che l’EfficientLine cerca di risparmiarlo non soltanto con equipaggiamenti esclusivi e dedicati, ma anche precludendo «l’accesso al veicolo» a quei componenti in grado di sprecarlo inutilmente.
Un’azione articolata che raggiunge un risultato considerevole: un taglio sui consumi di carburante pari a 3 litri/100 km rispetto a un normale TGX per lungo raggio. Così in un anno chi percorre 120.000 km arriva a tagliare i costi di quasi 4.000 euro. Se vi sembran pochi!

I contenuti originali
L’operazione non è originale, nel senso che anche altri costruttori l’hanno concepita. Ma bisogna dare atto alla casa tedesca di averci iniettato dentro almeno due contenuti inediti:
- l’articolazione del pacchetto, comprensiva non soltanto di componenti meccanici e aerodinamici e di un corso di guida economica, ma anche di un’estensione di garanzia e di un’appendice finanziaria;
- la denominazione dell’operazione, che ha resistito alla tentazione di ricorrere all’abusato suffisso «Eco».
Anche il prezzo si presenta competitivo: il modello con motore da 440 cv «viene via» con 121.000 euro, per quello da 480 cv ce ne vogliono 3.000 in più.

Due potenze e cabina XLX
Vediamo come si compone il pacchetto EfficientLine. Il trattore 4x2 di partenza è un TGX che può essere equipaggiato con una doppia motorizzazione (D2066 e D2676) – entrambe euro 5 con SCR – e due varianti di potenza: 440 e 480 cv. La cabina è invece una scelta obbligata: c’è solo la XLX, la più diffusa in Europa, anche perché è quella che meglio ottimizza il rapporto comfort/consumi. Al cambio c’è di serie l’automatizzato TipMatic con software Fleet, quello in cui sono inibiti il passaggio in modalità manuale e il kick down per incrementare la potenza. Due funzioni che si recuperano con la versione Profi, per avere la quale però bisogna spendere 370 euro in più. Abbinato al cambio c’è l’Intarder Eco, un’evoluzione dell’AS Tronic ZF, migliorato da una serie di punti di vista: ha un rendimento a vuoto minore del 25%; è più silenzioso; dispone dello scambiatore di calore in acciaio inox e quindi dura di più.

I dispositivi ausiliari risparmia-energia
Sul TGX EfficientLine ci sono tre dispositivi ausiliari, quelli che assorbono energia per far funzionare il veicolo ma non trasferiscono coppia alle ruote, ottimizzati nel funzionamento:
- il compressore dell’aria APM si stacca quando non c’è ragione di funzionare, quando cioè i serbatoi sono già pieni. È un’esclusiva dell’EfficientLine, ma in futuro sarà proposto come optional anche su altri veicoli di linea;
- l’alternatore è rinnovato per durare il doppio, per migliorare il rendimento del 4% e per innalzare da 110 a 120 A la corrente erogabile. È di serie sull’EfficientLine, ma è adottato anche su tutti i nuovi pesanti MAN;
- le luci di marcia diurna che, invece dei 300 W dei normali fari anabbaglianti, si accontentano di 42 W.
Risparmio: 0,76 l/100 km

La migliore aerodinamica
Per vincere la resistenza dell’aria si brucia una percentuale considerevole di gasolio. Asserzione tanto più vera quanto più si va veloce. Tant’è che basta andare un po’ più piano per ottenere consistenti benefici. MAN consiglia di tarare il limitatore su 85 km/h anziché a 89, a maggior ragione quando si va fuori dall’Italia, dove i limiti sono più alti. Una piccola riduzione di velocità che in una giornata di otto ore di lavoro – è stato calcolato – comporta un sacrificio di meno di 10 minuti.
Per tagliare meglio l’aria, invece, si adottano di serie sia il pacchetto aerodinamico sia le minigonne, mentre sono bandite visiere parasole, trombe e fari addizionali sul tetto.
Per ridurre l’attrito degli pneumatici, MAN monta quelli con ridotta resistenza al rotolamento: di serie ci sono i Continental Eco, ma con un sovraprezzo si può avere anche altro.
Ma soprattutto, sempre di serie, viene montato il TPM, il sistema che monitora la pressione degli pneumatici e la mostra sul display nel cruscotto. Perché una gomma con la giusta pressione non soltanto rotola più facilmente, ma incrementa la sicurezza e dura di più.
Risparmio aerodinamico: 1,74 l/100 km

La tara contenuta
Il TGX è un veicolo che pesa poco, anche rispetto ad altri trattori. Se poi è equipaggiato con cambio automatico risparmia già qualche chilo. In più, l’EfficientLine è stato messo a dieta con l’adozione di serbatoi dell’aria in lega leggera (- 10 kg) e facendo a meno della ruota di scorta (- 105 kg). Per chi lo vuole – è un optional – si possono tagliare ulteriori 108 kg montando cerchi in lega. In alluminio è pure il serbatoio (integrato) di gasolio e adblue, al pari però di tutti i serbatoi da 660 litri (+ 75 di adblue) chiamati a equipaggiare i pesanti MAN.
Risparmio: 0,10 l/100 km

Il finanziamento imbattibile
Fin qui le misure tecniche. A queste bisogna aggiungere gli 0,4 l/100 km che si risparmiano con il corso di guida economica ProfiDrive (vedi box). E non è finita. Perché altri vantaggi derivano dall’aver aggiunto al pacchetto anche l’estensione di garanzia di 48 mesi o 600.000 km sulla catena cinematica e soprattutto da uno speciale finanziamento offerto in collaborazione con Man Finance che comprende una durata di 72 mesi (quando difficilmente si va oltre i 60), un anticipo minimo (da 1 canone al 10%) e con rate costanti a partire da 1.000 Euro, un valore di riscatto garantito da MAN TopUsed di 15.000 euro, un’assicurazione furto, incendio e cristalli inclusa nel prezzo. Difficilmente si può trovare di meglio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home