ACQUISTI

Le soluzioni su misura Scania approdano sui mezzi off road

21 giugno 2016

Scania porta nel cava cantiere le soluzioni di trasporto su misura per soddisfare le diverse esigenze operative dei propri clienti. Per farle conoscere sul campo organizza fino a fine anno il Tour “Costruire il Futuro Scania”

Italscania in collaborazione con Scania Finance Italy sta promuovendo l’iniziativa “Costruire il Futuro Scania Tour 2016”, per consentire agli operatori di toccare con mano, o meglio di testare direttamente sul campo, le molteplici soluzioni che la casa svedese mette a disposizione per ottimizzare l’Economia Operativa Totale.

Un rapporto di stretta collaborazione con il cliente durante l’intero ciclo di vita del veicolo per ottimizzare l’uso del veicolo e gli stili di guida per migliorarne l’efficienza. Un approccio che in Scania è individuato come “Ecolution”, un programma personalizzato per ogni singolo veicolo che dimostra come il corretto dosaggio dei vari ingredienti – mission aziendale, veicolo, uomo – consente alle aziende di aumentare la redditività della propria flotta e che oggi la casa del grifone vuole adottare anche il settore delle costruzioni.

«In un contesto in continua e rapida evoluzione, intendiamo valorizzare la capacità delle nostre soluzioni di trasporto di soddisfare tutte le esigenze operative dei nostri clienti, sia che si parli di lungo raggio, distribuzione, trasporto pubblico, applicazioni speciali o, appunto, di cava cantiere – afferma Giancarlo Perlini, responsabile Sales and Development, Construction, Distribution, P&S di Italscania – Con l’iniziativa “Costruire il Futuro” abbiamo l’ambizione di dimostrare sul campo il valore della soluzione Scania per il cava cantiere, sia in termini di qualità e prestazioni del prodotto sia di efficacia dei servizi a supporto, dal finanziamento ai pacchetti di manutenzione e riparazione passando dai driver services; un’offerta completa e personalizzata che ci contraddistingue e che punta a massimizzare la profittabilità dei nostri clienti».

Con l’iniziativa “Costruire il Futuro Scania Tour 2016” gli operatori possono così testare le  performance dei veicoli Scania nelle reali condizioni di utilizzo, supportati dall’esperienza dei Master Driver Scania (istruttori a supporto dei conducenti) e conoscere i diversi servizi integrati di composizione praticamente “sartoriale” per soddisfare le esigenze di ogni cliente l’intero ciclo di vita del veicolo.

Tra le varie soluzioni:
- Driver Services, un sistema di formazione completa sulle tecnologie d’avanguardia dei mezzi Scania per il Cava Cantiere, con i suggerimenti per ridurre l’usura del veicolo, molto rapida in questo settore, e migliorare il benessere dell’autista.
- Soluzioni di finanziamento ed assicurative di Scania Finance, ottimizzate per ogni cliente, padroncino o grande flotta, tenendo conto delle specifiche necessità.
- Servizi di Assistenza Manutenzione e Riparazione, per garantire nel tempo la sicurezza e l’affidabilità dei propri mezzi; grazie alla connettività, che consente di raccogliere i dati tecnici relativi all’utilizzo del veicolo è possibile programmare le manutenzioni, per alcuni interventi può essere fornito un servizio di assistenza direttamente in cava o in cantiere.

I veicoli disponibili per l’iniziativa “Costruire il Futuro Scania Tour 2016” sono mezzi d’opera CB8x4 EHZ da 450 CV, 13 litri Euro 6, equipaggiati con tecnologia puro-SCR e cambio Opticruise a 12 rapporti e 2 primini in modalità Off road. La coppia massima erogata è di 2.350 Nm tra i 1.000 e i 1.300 giri/min, la manovrabilità del veicolo è garantita dal passo più corto esistente in commercio, di 4.100 mm.

Pensati per fronteggiare situazioni estreme, questi veicoli fanno affidamento sul rallentatore Scania, ottimizzato per le basse velocità e in grado di garantire una coppia frenante di 4.100 Nm. La cabina, una CG16, ha come punti di forza facilità di accesso e uscita in massima sicurezza, ottima visibilità e molteplici vani porta oggetti. I veicoli sono allestiti con una vasca a sezione tonda della capacità di 20m³, con sponda posteriore a sollevamento idraulico e barra para-incastro posteriore rovesciabile.

Fino alla fine del 2016 sarà possibile prenotare una prova attraverso il sito web dedicato: www.scaniacostruireilfuturo.it.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home