FINANZA E MERCATO

Lungo le strade della seta. La conferenza internazionale a Venezia

6 luglio 2016

Si terrà a Venezia, il 10 e 11 luglio 2016, la Conferenza internazionale “Along The Silk Roads”, “Lungo la Via della Seta”. Organizzata da Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli, Autorità Portuale di Venezia e Nankai University (Center for the Silk Road Studies), con il supporto di Binhai New Area (Special Economic Zone in Tianjin), in cooperazione con TWAI, Center For Mediterranean Area Studies e Università Ca’ Foscari, la conferenza riunirà a Venezia, presso la Fondazione Giorgio Cini nell’Isola di S.Giorgio Maggiore, esperti e rappresentanti delle istituzioni e della politica di tutta l’area euro-asiatica. 

Introdotta da Romano Prodi e Paolo Costa, presidente dell’Autorità Portuale di Venezia, vedrà la partecipazione dei ministri degli Esteri Paolo Gentiloni, delle Infrastrutture Graziano Delrio, dei Trasporti austriaco Jörg Leichtfried, per l’Integrazione euroasiatica la russa Tatiana Valovaya ed esponenti di diverse istituzioni e think thank di Cina, Asia ed Europa. Sul tavolo il tema della realizzazione della nuova Via della Seta di cui il porto di Venezia è indicato come terminal occidentale europeo. 

La politica della "One Belt One Road" (OBOR), annunciata dal Presidente Xi Jinping a settembre 2013, muterà gli equilibri economici e strategici tra Asia e Europa e porterà i suoi riflessi fino all'Africa. OBOR riunisce in un'unica iniziativa ingenti investimenti nelle ferrovie, nelle infrastrutture marittime ma prevede anche investimenti non necessariamente infrastrutturali. La nuova Via della Seta pone, infatti, importanti sfide e offre grandi opportunità sia per la Cina sia per l'Europa ma per essere davvero efficace si rendono necessarie comprensione reciproca e piena cooperazione tra le due Parti. Gli esperti affronteranno le differenti "visioni" cinese ed europea con l'obiettivo di individuare soluzioni per tutelare gli investimenti nelle infrastrutture e per valutare il complesso impatto economico della nuova Via della Seta in termini commerciali e di competitività dei Paesi che ne saranno toccati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home