FINANZA E MERCATO

Costi di esercizio. Il ministero aggiorna i valori di riferimento per la fatturazione di LUGLIO

6 luglio 2016

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato sul suo sito l’aggiornamento mensile della componente gasolio dei valori indicativi di riferimento dei costi di esercizio delle imprese di autotrasporto merci per conto di terzi, al netto dell'Iva e/o dello sconto del maggior onere delle accise, utile per le fatturazioni di questo mese.

Il prezzo totale al consumo del gasolio rilevato dal MISE (ministero dello Sviluppo Economico), a GIUGNO 2016 è stato di 1.319,02 euro per mille litri, ancora in aumento rispetto ai mesi precedenti (463,76 euro è il prezzo industriale, 237,86 l’Iva e 617,40 l’accisa), in aumento rispetto al mese precedente (il valore più alto del 2016).

Il valore di riferimento del costo del gasolio per i servizi di trasporto effettuati nel mese di LUGLIO, quindi è di:

– 1,081 euro/litro  (al netto dell’I.V.A.), per i veicoli esclusi dal rimborso delle accise sul gasolio (si tratta dei mezzi di massa complessiva a pieno carico fino a 7,5 ton e di quelli, a prescindere dalla massa complessiva, di categoria ecologica euro 2 o inferiore);
– 0,866 euro/litro  (al netto dell’I.V.A e del rimborso delle accise sul gasolio), per i veicoli ammessi alla restituzione delle accise (mezzi di massa complessiva a pieno carico superiore alle 7,5 ton, di categoria ecologica almeno euro 3).

In base alla legge di Stabilità 2016 dal 1° gennaio 2016, il credito di imposta relativo all’agevolazione sul gasolio per autotrazione degli autotrasportatori non spetta per i veicoli di categoria Euro 2 o inferiori.

In allegato trovate la tabella del MIT con i valori indicativi di riferimento dei costi di esercizio di un'impresa di autotrasporto merci in conto terzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home