LEGGI E POLITICA

Il mercato nero muove 120 milioni di pallet con un volume di affari di 720 milioni

7 luglio 2016

Sono 120 milioni i pallet che ogni anno in Italia movimenta il mercato nero, riuscendo a generare un volume di affari che complessivamente raggiunge i 720 milioni di euro. Numeri da capogiro contenuti su un nuovo capitolo comparso quest’anno per la prima volta nel rapporto di Legambiente sulle Ecomafie. Il rapporto 2016, per il resto, pur in un contesto di leggera flessione dei reati e un aumento degli arresti in materia dovuti soprattutto all’introduzione della legge sui delitti ambientali nel codice penale, quantifica in 27.745 gli ecoreati commessi nel 2015 in Italia, vale a dire più di 76 reati al giorno, più di 3 ogni ora. 188, invece, sono stati gli arresti.

Da segnalare pure la parte dedicata al traffico illecito dei rifiuti, secondo quanto disciplinato dall’articolo 260 del d.lgs. 152/2006: al 31 maggio 2016 le inchieste erano 314, con 1.602 arresti, 7.437 denunce e 871 aziende coinvolte in tutte le regioni d’Italia, a cui sia aggiungono 35 Stati esteri (14 europei, 7 asiatici, 12 africani e uno dell’America Latina). Complessivamente l’azione repressiva ha messo i sigilli a oltre 47,5 milioni di tonnellate di rifiuti. Solo nelle ultime 12 inchieste di quest’ultimo anno e mezzo (gennaio 2015-maggio 2016) le tonnellate sequestrate sono state 3,5 milioni,«più o meno – si legge nel rapporto – l’equivalente di 141 mila tir».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home