ACQUISTI

Tecnologia Toyota al servizio della sicurezza in magazzino

7 luglio 2016

Avanzati sistemi di sicurezza e di gestione dei carrelli elevatori firmati Toyota Material Handling Italia per avere il controllo delle attività di movimentazione all’interno del magazzino a salvaguardia della sicurezza degli operatori

La tecnologia al servizio della sicurezza Toyota Material Handling, sfruttando la sua lunga esperienza nel settore dell’intralogistica, ha ideato e sviluppato avanzati sistemi e dispositivi che agiscono direttamente sui carrelli elevatori per controllarne e misurarne il comportamento aumentando i livelli di visibilità, di controllo di processi e prestazioni a beneficio di una maggiore sicurezza nell’ambiente di lavoro, sia esso un magazzino chiuso oppure un’area esterna.

I_Site. Uno strumento che consentela gestione e il monitoraggio, anche in remoto (su tablet o smartphone, grazie a una App), dell’intero parco carrelli; offre indicazioni precise e sempre aggiornate su operatività di ogni singolo veicolo, prestazioni dei carrellisti e produttività delle attività di movimentazione. In questo modo è possibile avere sempre sotto controllo lo stato delle batterie, le necessità manutentive del veicolo, le ore effettive lavorate e lo stato dei patentini dei carrellisti.

Anticollision. Un sistema ausiliare di sicurezza che rileva in modo selettivo la presenza di uomini e mezzi e all’occorrenza attiva allarmi in tempo reale incorrispondenza di potenziali pericoli di collisione. Il sistema si basa sull’identificazione a radio frequenza RFID (Radio FrequencyIDentitication) ed è in grado di monitorare mezzi e persone all’interno dell’azienda arrivando a coprire fino a 360 gradi attorno al veicolo ed intervenendo automaticamente anche in caso di distrazioni e stanchezza del carrellista.

Zoning. Anche all’interno di depositi e piattaforme logistiche ci sono aree entro cui è indispensabile che i carrelli elevatori rispettino specifiche norme di sicurezza. Grazie all’allestimento di “gate elettronici” e all’applicazione di un tag RFID sui mezzi, il sistema può gestire le prestazioni del carrello, quando il mezzo attraversa il “gate”, il istema interagisce con il mezzo e l’ambiente circostante, adattando in base agli input dati su velocità, apertura porte, accensione luci, avvisatori acustici ecc.

Zoning+. Applicato a carrellie varchi, garantisce un costante aggiornamento della presenza di veicoli e operatori all’interno di ogni specifica area.Il carrellista ed il mezzo sono registrati non appena entrano nell’area controllata e da quel momento viene monitorato il tempo di permanenza all’interno della stessa.

Spot-me. Un kit di sensori infrarossi mono-direzionali, associati a unità di luci a led. I dispositivi del sistema, installati all’interno del magazzino, comunicano tra loro via wireless e quando un sensore rileva mezzi oppure pedoni in avvicinamento, tutti gli apparati attivano la propria segnalazione luminosa di allerta.

Blue Light/Red Light. Aumenta il livello di sicurezza rendendo visibile il mezzo in movimento e riducendo i rischi in aree di promiscuità tra mezzi e persone. Utilizzabile in ambienti interni, magazzini e piazzali dove le strutture, arredi o scaffalature impediscono la visibilità dei carrelli in movimento, Blue Light segnala in anticipo ai pedoni possibili interazioni con i carrelli elevatori, proiettando a terra un fascio di luce blu ( o rossa) che avverte il sopraggiungere di un carrello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home