UFFICIO TRAFFICO

Arriva il tutor che controlla il sovraccarico

28 dicembre 2011
C’è il tutor per controllare la velocità media dei veicoli. Ma da oggi c’è anche un tutor che serve rilevare la massa complessiva di un veicolo in movimento. Si chiama Overload Tutor, lo ha realizzato Autostrade per l’Italia, ma lo mette al servizio degli organi di polizia, che vengono preavvertiti quando un mezzo pesante viaggia in socraccarico. Di tutor per il sovraccarico ce ne saranno cinque (in zone ad alto traffico, si dice, ma non si sa dove) e in pratica funzioneranno in questo modo: nel manto stradale vengono posizionati quattro sensori che individuano con precisione la classe del veicolo, il numero di assi, la velocità e il peso.
Un sistema di telecamere – in pratica simile a quello funzionante per la velocità – consente di inquadrare il veicolo e di trasmetterlo, tramite la rete di telefonia mobile Umts, alla pattuglia della Polizia Stradale collocata in un’area a circa una decina di chilometri di distanza. Il vantaggio immediato, quindi, è di non dover fermare i veicoli a campione, ma soltanto – per così dire – a colpo sicuro, quando cioè c’è certezza della commissione dell’infrazione. Così, anche i veicoli in regola hanno il vantaggio di non dover attendere i lunghi tempi necessari per effettuare la pesa statica. Anche per questo tra gli enti che hanno sostenuto il progetto compare l’Albo degli Autotrasportatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home