UFFICIO TRAFFICO

Autostrade: Il Telepass europeo è esteso alla Polonia

20 luglio 2016

Da oggi gli autotrasportatori in possesso del Telepass europeo di Autostrade per l'Italia potranno utilizzarlo anche per pagare il pedaggio sull’autostrada polacca Stalexport A4, nel tratto Cracovia-Katowice, molto utilizzata dagli autotrasportatori. La Polonia si aggiunge così agli altri 5 Paesi - Francia, Spagna, Portogallo, Italia e Belgio (tunnel Liefkenshoek) – in cui è possibile utilizzare il dispositivo di telepedaggiamento dei mezzi pesanti.

«Dopo il lancio lo scorso febbraio, dell’apparato Telepass Eu, interoperabile in 5 Paesi tra i quali l’Italia, Telepass sta continuando ad ampliare il processo a tutte le reti autostradali europee. L’estensione del servizio in Polonia ne è la prova ed ha un valore fondamentale nel mercato del telepedaggio per i mezzi pesanti in Europa - dichiara Gabriele Benedetto, amministratore delegato di Telepass - Il Telepass Eu rappresenta infatti, la risposta ad una delle maggiori esigenze degli autotrasportatori non solo polacchi, ma di tutta Europa, che chiedono di avere un unico dispositivo in grado di accelerare i passaggi attraverso le piste, in quest’area particolarmente trafficata perché strategica per il flusso dei trasporti tra Est e Ovest».
Senza dover cambiare dispositivo, tutti i possessori di un apparato Telepass EU interoperabile, potranno accedere al nuovo tratto polacco, effettuando un semplice aggiornamento (che avviene in automatico, dopo l’accordo con il service provider).
«Questa esclusiva di Telepass rientra nella strategia di sviluppo a livello europeo, sostenuta dalla certificazione EETS (European electronic Toll Service), un progetto nel quale la nostra società è fortemente impegnata, con lo scopo di offrire nuovi servizi di pagamento in tutta Europa – afferma l’ad – Telepass sta già lavorando a nuovi dispositivi interoperabili, che permetteranno il pagamento del pedaggio anche in Austria, Danimarca (ponti Oresund e Storebælt), Belgio e Germania».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home