LOGISTICA

Nuovo collegamento ferroviario tra Interporto Verona e Livorno

23 luglio 2016

È partito un nuovo servizio intermodale Verona-Livorno, che raccoglie i traffici con origine e destinazione il bacino delle provincie di Verona, Trento, Bolzano, Vicenza, Mantova e Brescia.

Promosso e gestito da Hangartner Terminal, società controllata dal Gruppo DB Schenker, all'interno del Quadrante Europa, il nuovo collegamento intermodale consente di generare traffici dai porti italiani a Verona, oltre a costituire la base per un collegamento diretto tra il Nord Europa e i porti del Mediterraneo.

Il  treno intermodale collega l'interporto veronese al  Terminal intermodale dell'Interporto Toscano Amerigo Vespucci di Guasticce (LI), con partenze da Verona programmate nei giorni di  martedì, giovedì e sabato pomeriggio con arrivo nella prima mattina del giorno successivo.

Con una capacità di 1300 tonnellate e una lunghezza di  520 metri, il treno è composto da carri privati in composizione bloccata, che offrono la possibilità di trasportare fino  a 36 container  tra 20 e 40 piedi rivolgendosi così non solo ad armatori, spedizionieri e trasportatori, ma anche a quegli operatori che, utilizzando casse mobili, solitamente gestiscono i propri traffici interamente via gomma.

La trazione ferroviaria è stata affidata a DB Cargo Italia S.r.l., società del Gruppo DB Cargo, terminale italiano della rete di trasporto merci per ferrovia più imponenete d’Europa, e inserita nel network internazionale.

«La posizione geografica di Verona, le sue autorizzazioni doganali, i binari coperti raccordati e la capacità di organizzare e gestire treni intermodali, fanno di Hangartner Terminal uno del terminal ferroviari più completi e competitivi in Europa - spiega l’AD Mario Sacco - la  strategia di sviluppo di collegamenti con i porti, fa diventare il terminal un retro-porto estremamente interessante».

Hangartner Terminal offre tutti i servizi connessi alla logistica di magazzino e pesatura container tramite pesa certificata per la normativa SOLAS; come deposito doganale di tipo A, l’azienda può introdurre la merce allo stato estero, sdoganarla tramite la sezione doganale interna, mantenerla allo stato estero e compiere lavorazioni. Inoltre, offre servizi di deposito per temporanea custodia, deposito fiscale IVA anche per prodotti soggetti ad accise, con svolgimento delle procedure Intrastat. Possiede numerose autorizzazioni sanitarie, coadiuvate e verificate nel rispetto degli adempimenti CE dal presidio veterinario e Igiene Pubblica (ASL). Infine, è certificata Global Standard for Storage and Distribution, BRC Logistics.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home