ACQUISTI

Scania svela la nuova generazione di autocarri

24 agosto 2016

Anteprima mondiale per i nuovi camion della gamma stradale pesante. Accanto alla Serie R compare una inedita Serie S. Aumentano gli spazi in cabina, i dispositivi di sicurezza passiva e attiva, la connettività; calano i consumi (5%)

Ieri sera a Parigi il costruttore svedese ha svelato in anteprima mondiale i nuovi veicoli della gamma stradale a lungo raggio. 1.500 gli ospiti in sala, 35.000 le persone registrate per seguire l’evento in diretta streaming. Si tratta del primo di cinque lanci attraverso i quali Scania presenterà interamente la nuova generazioni di veicoli pesanti. 10 anni di sviluppo, 20 miliardi di corone svedesi investiti (oltre 2 miliardi di euro), 10 milioni di chilometri di test, 5 lanci, 40 mila clienti invitati a Södertälje per scoprire di persona i nuovi mezzi: sono i numeri che sintetizzano l’impegno del costruttore. 

«È certamente il più grande investimento che Scania abbia effettuato nei suoi 125 anni di storia - dichiara Henrik Henriksson, presidente e CEO di Scania - È con grande orgoglio che i miei colleghi e io presentiamo i prodotti e i servizi che porteranno Scania a nuovi livelli in termini di quote di mercato e ci accompagneranno lontano nel prossimo decennio».

In attesa di entrare in contatto anche noi direttamente con questi nuovi veicoli (all’inizio di settembre), le prime informazioni annunciano una gamma “modulare” per offrire più livelli di prestazioni, connessa, sostenibile e parsimoniosa. La cabina è più spaziosa, il pavimento è piatto, tra i sistemi di sicurezza vengono inseriti gli airbag laterali a tendina (una assoluta novità per il settore), i consumi sono dati in calo mediamente del 5% grazie a catene cinematiche estremamente avanzate e a soluzioni aerodinamiche all'avanguardia. Quattro i motori Scania da 13 litri Euro 6 dotati di nuovi sistemi di gestione motore e installazioni completamente rielaborate, tra cui una nuova e avanzata versione da 500 CV, eseguono il post-trattamento dei gas di scarico solo con SCR. Una nuova funzione consente all’Opticruise di cambiare più rapidamente e assicurare una trasmissione della coppia quasi costante; l'introduzione del sistema di frenata dell'albero secondario di serie nei cambi Scania Opticruise automatici, invece di utilizzare gli anelli per sincronizzare nel cambio le varie velocità del contralbero e dell'albero primario durante i cambi di marcia, per scalare si avvale del freno dell'albero secondario. Il sistema di cruise control adattivo ora può essere utilizzato per semplificare la guida in situazioni di traffico rallentato.

«Dietro questo lancio si nasconde un'enorme mole di lavoro di sviluppo - sottolinea Henriksson - Gli elementi distintivi sono, naturalmente, le nuove cabine, ma la vera innovazione è l'introduzione di tecnologie, conoscenze e servizi che consentiranno ai nostri clienti di ottenere una chiara visione di insieme di costi ed entrate. Il nostro obiettivo è permettere ai clienti di raggiungere una redditività sostenibile, indipendentemente dal tipo di incarico o dalle condizioni in cui operano. Nel quadro complessivo, Scania lavora sui veicoli dei clienti, sostenendoli grazie a qualità, accessibilità e a un insieme completo di servizi fisici o di connettività».

In totale sono stati investiti 20 miliardi di corone svedesi nello sviluppo dei nuovi prodotti e servizi e nella produzione. La nuova generazione è stata sviluppata presso lo Scania Technical Centre di Södertälje, in Svezia, grazie al lavoro di circa 4 mila dipendenti su un totale di 18 mila persone impiegate nelle sedi produttive Scania in Svezia. A Oskarshamn, nella provincia meridionale dello Småland, Scania ha realizzato il suo maggior investimento industriale per un singolo progetto degli ultimi venti anni. Sono stati investiti più di 2 miliardi di corone svedesi, fra gli altri per la costruzione di un nuovo spazio verniciatura e di una nuova officina allestimento. La produzione dei nuovi veicoli inizierà immediatamente e inizialmente le attività saranno concentrate sui veicoli e sui servizi per il trasporto a lungo raggio, a cui seguiranno le altre gamme non appena saranno completate e le fabbriche Scania saranno pronte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

VIDEO

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home