FINANZA E MERCATO

Distributori metano: tra dieci anni saranno 40 mila

27 settembre 2016

Nel 2026 i distributori di metano nel mondo saranno 40 mila. Lo sostiene l’Osservatorio Federmetano che prevede nei prossimi anni una forte crescita della rete distributiva di metano, che oggi conta circa 26.700 distributori, pari al 35%.

Numeri sostenuti dagli studi dell’istituto di ricerca americano Navigant Research. «Nonostante la discesa dei prezzi del petrolio – commenta Sam Abuelsamid, senior research analyst di Navigant Research – il metano resta un’alternativa particolarmente competitiva a benzina e gasolio a causa dei regolamenti sempre più stringenti adottati in tema di emissioni, a maggior ragione nelle aree in cui l’uso di veicoli elettrici non è un’alternativa percorribile ai carburanti tradizionali».

A guidare la crescita del numero delle stazioni di rifornimento di metano è il successo crescente di soluzioni tecnologiche innovative come il metano liquido (GNL) e il dual-fuel (mix di gasolio e metano), che consentono di utilizzare il metano anche sui mezzi di trasporto pesanti.

«Anche in Italia – sottolinea Licia Balboni, a capo dell’Osservatorio Federmetano – le novità rappresentate da GNL, dual-fuel e, in un futuro ormai prossimo, biometano hanno raccolto un grande interesse da parte di una fascia di consumatori che abitualmente non prendeva in considerazione la possibilità di usare mezzi a metano, come ad esempio gli autotrasportatori. Oggi anche le case produttrici di mezzi pesanti sono sempre più impegnate per far crescere la gamma di veicoli a metano sul mercato, e di pari passo cresce anche il numero delle stazioni di rifornimento, sia tradizionali sia innovative (e cioè di GNL liquid to liquid oppure di GNL liquid to gas - metano gassoso). Recente è poi l’approvazione di uno schema di decreto legislativo da parte del Consiglio dei Ministri per il recepimento della normativa europea sui carburanti alternativi, la cosidetta DAFI, che rimuove di fatto gli ostacoli alla diffusione industriale (infrastrutture di stoccaggio a terra) del GNL. Questo è un segnale positivo per l’intera filiera del metano per autotrazione, che merita una costante attenzione da parte delle autorità perché è una eccellenza italiana conosciuta in tutto il mondo». 

leggi anche:

Contributi agli investimenti: 7.000 euro per un camion euro 6, 20.000 per un LNG

È legge l’incentivo di 25 milioni per acquisto di veicoli: dal 20 ottobre le domande

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home