UFFICIO TRAFFICO

Per errore camion irrompe in piazza durante concerto. E la memoria torna a Nizza

5 ottobre 2016

Un camion bianco che attraversa la piazza in occasione di un concerto ed è panico. È quanto accaduto ieri sera a Bologna durante il concerto dei Nomadi per la festa di San Petronio, patrono della città. Mentre la band di Beppe Carletti si esibiva in piazza Maggiore, un Iveco Eurocargo bianco ha attraversato tutta la piazza, passando davanti al palco e in mezzo alle tante persone che assistevano al concerto.

Incredulità, apprensione e successivi malumori sono i sentimenti che hanno accomunato musicisti e spettatori per l’insolito e ingombrante ingresso. «Abbiamo pensato subito a Nizza: com'è possibile che accada in una città come Bologna? Mai successo in tutta la nostra carriera – ha commentato Beppe Carletti, leader della band – Mi dispiace molto. Non ero felice di vedere quel camion, poteva accadere qualsiasi cosa: anche il linciaggio dell’autista. Non so cosa facesse lì, chissà forse doveva ritirare la biancheria dagli hotel, non mi è sembrato che trasportasse medicinali per cui poteva esser lì».

Il mezzo era condotto da un 57enne di Benevento che non aveva certo cattive intenzioni, anzi, doveva raggiungere Palazzo Re Enzo per sgomberare le attrezzature del Festival del Tortellino che era appena terminato ma aveva sbagliato accesso e senza che nessun agente lo fermasse, è arrivato in piazza. «Mi sono arrabbiato perché se avessi trovato un cartello che mi indicava il divieto d’accesso non sarei assolutamente arrivato in piazza – ha spiegato scosso l’autista - Io sto lavorando, mi hanno detto che dopo le 22,30 sarei dovuto andare a Palazzo Re Enzo per la fine di una festa e così ho fatto. Io non ho sbagliato, mi hanno detto di venire qua e non c’erano cartelli. Mi sono ritrovato davanti a centinaia di persone».

Sull’episodio sono già in corso le verifiche del caso da parte del Comune, che si è rivolto al comando della Polizia municipale per capire che cosa sia successo e come sia potuto accadere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home