FINANZA E MERCATO

FCA, Iveco e Snam firmano protocollo d’intesa per lo sviluppo del gas naturale per autotrazione

11 ottobre 2016

Alfredo Altavilla (Chief Operating Officer di FCA Region EMEA), Pierre Lahutte (Brand President Iveco) e Marco Alverà (Chief Executive Officer di Snam), alla presenza dei ministri Carlo Calenda per lo Sviluppo Economico e Graziano Delrio per i Trasporti, hanno firmato nei giorni scorsi un protocollo d’intesa per lo sviluppo del gas naturale come carburante per autotrazione.

Secondo i termini del protocollo FCA, Iveco e Snam collaboreranno per accelerare lo sviluppo del CNG per autotrazione (Compressed Natural Gas), alternativa immediatamente disponibile e più sostenibile rispetto ai carburanti tradizionali e in grado di generare importanti benefici ambientali ed economici.

FCA persegue tra le sue linee strategiche lo sviluppo delle motorizzazioni a carburanti alternativi (sono dodici i modelli attualmente in gamma) e Iveco dispone già di una  gamma completa di veicoli sia CNG sia LNG (Liquefied Natural Gas), dal commerciale leggero Daily all’autobus Urbanway, al nuovo Stralis LNG per trasporto merci a lungo raggio, presentato lo scorso giugno. Insieme intendono sviluppare ulteriormente le loro gamme di veicoli a gas naturale.

Snam, quale leader europeo nella realizzazione e gestione delle infrastrutture per il mercato del gas naturale, investirà circa 200 milioni di euro nei prossimi 5 anni per favorire lo sviluppo degli impianti per il rifornimento di CNG per aumentare il numero delle attuali 1.100 stazioni di servizio a metano, migliorare la qualità del servizio di erogazione agli utenti e garantire una diffusione più equilibrata delle stazioni nelle diverse regioni del Paese, secondo l’evoluzione del parco circolante.

L’Italia è oggi il primo mercato europeo per i consumi di metano per autotrazione, con oltre 1 miliardo di metri cubi consumati nel 2015, circa 1 milione di veicoli attualmente in circolazione e una rete di metanodotti lunga oltre 32 mila chilometri (la più estesa e accessibile d’Europa).

Il raddoppio delle stazioni di servizio a CNG, fino a oltre 2 mila nei prossimi 10 anni, sarà il principale fattore abilitante per il raggiungimento dell’obiettivo di crescita del parco circolante CNG: oltre 3 milioni di veicoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home