UFFICIO TRAFFICO

Fermato sulla A19 camion con tachigrafo manomesso: denunciati autista e titolare

14 dicembre 2016

Altra denuncia penale per manomissione del tachigrafo. E stavolta arriva dalla Sicilia, per la precisione dall’area di sosta Caracolli Sud, nei pressi di Termini Imprese, lungo la A19 Palermo-Catania, dove ieri la polizia stradale di Buonfornello ha fermato un camion condotto da un autista di 36 anni, che a quanto pare tenevano sotto controllo da tempo. E in effetti andando a verificare i dati registrati sul tachigrafo gli agenti si sono accorti di molte anomalie, rese ancora più evidenti dal fatto che il veicolo fosse utilizzato anche per missioni internazionali. Così approfondendo la ricerca si sono imbattuti in una sorta di bypass, un circuito parallelo che di fatto deviava le registrazioni del tachigrafo. 

A quel punto sia all’autista sia al titolare dell’azienda di autotrasporto di Messina per cui lavora è stata elevata una sanzione di 1.696 euro, mentre al primo è stata sospesa la patente, decurtandola anche di 10 punti.

Ma soprattutto per entrambi è scattata la denuncia penale per aver commesso il reato previsto dall’art. 437 del codice penale, vale a dire la manomissione di strumentazioni finalizzate a garantire la sicurezza sul lavoro. 

Le scorse settimane, lo ricordiamo, un’indicazione ad applicare questa norma in casi analoghi era giunta proprio anche dalla Cassazione, che l’aveva ritenuta prevalente rispetto agli articoli del codice della strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home