LEGGI E POLITICA

Padroncini esclusi dall'anticipo pensionistico: Trasportounito scrive a Gentiloni

9 gennaio 2017

La nuova Legge di Bilancio, approvata in tutta fretta all’indomani del referendum del 4 dicembre, non ha cambiato l’impianto normativo sulle pensioni ma è riuscita ad assicurare a una buona parte di lavoratori una copertura previdenziale. Le misure introdotte interessano per esempio i cosiddetti lavoratori usuranti, che potranno accedere al pensionamento attraverso l'Anticipo Pensionistico (Ape sociale), vale a dire dopo aver raggiunto almeno 63 anni di età e 36 anni di versamenti contributi (a condizione di aver svolto almeno 6 anni di attività faticosa) o, in alternativa, dopo aver maturato almeno 41 anni di contribuzione (a condizione che abbiano iniziato l'attività lavorativa almeno un anno prima del compimento del diciannovesimo anno di età). Ora però, come avevamo già preannunciato, di questa misura, che diventerà operativa dal prossimo 1° maggio 2017, potranno beneficiare i facchini e gli autisti di veicoli pesanti addetti al trasporto merci (quelli addetti al trasporto di persone erano già considerati lavoratori usuranti), ma non invece i cosiddetti padroncini, vale a dire l’autotrasportatore artigiano che guida il suo camion. Nelle prossime settimane, però, è atteso un decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministro per una probabile estensione della platea dei lavori considerati gravosi.
Ed ecco perché la sezione della provincia di Taranto di Trasportounito, che già in passato si è particolarmente impegnata su questa tematica, ha scritto al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, per sottolineare come, con l’esclusione dei lavoratori autonomi dall’Ape Sociale, «si discriminerebbero – in modo del tutto arbitrario – coloro i quali, pur versando all’INPS, conducono il camion di proprietà preoccupandosi della sopravvivenza delle loro imprese». Da qui l’invito al presidente del Consiglio di attivarsi immediatamente per risolvere, una volta per tutte, la vicenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home