LEGGI E POLITICA

Consiglio di Stato: illegittime richieste AGCOM ai trasportatori titolari di autorizzazioni postali

9 febbraio 2017

Il Consiglio di Stato ha respinto l’appello presentato dall’Autorità delle Comunicazioni (AGCOM) in materia di servizi postali contro la sentenza con cui il TAR del Lazio aveva dichiarato illegittima la richiesta di contributi alla imprese per il triennio 2012-2014. Gioiscono Fedit e Confetra che avevano resistito già in primo grado alle pretese dell’AGCOM, anche se ricordano che in ogni caso la questione troverà fine soltanto con il giudizio attualmente in corso della Corte di Giustizia europea. Anche se aggiungono che, a questo punto, le imprese titolari di autorizzazione postale generale non potranno più essere chiamate a dover versare i contributi richiesti negli anni scorsi dall’AGCOM, pari all’1,79 per mille del fatturato.

Il Consiglio di Stato, peraltro, non ha soltanto giudicato illegittimi gli atti dell’Autorità rispetto alle eccezioni riguardanti i trasporti, ma più in generale rispetto al complesso delle norme che riguardano il suo finanziamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home