UFFICIO TRAFFICO

Presa la «banda dell’A14»: camion svuotati mentre l’autista dormiva

24 marzo 2017

Il luogo del crimine era sempre lo stesso, le aree di servizio lungo l’A14. Ed identico il modus operandi: di notte, su autocarri parcheggiati, con gli autisti che dormivano tranquilli. E con la merce asportata sempre con lo stessa tecnica, quella del “taglio del telo”: un piccolo spacco esplorativo sui teloni plasticati degli autoarticolati per valutare la tipologia della merce trasportata e scegliere così quella maggiormente appetibile.

Ora le Polizie Stradali di Forlì e di Bologna hanno arrestato nel capoluogo due persone ritenute corresponsabili di tre di questi furti notturni ai danni di autocarri parcheggiati. I due individui, di nazionalità rumena, sono il ventiduenne J.O. e il coetaneo A.D., ora finiti nel carcere bolognese della Dozza. Contemporaneamente, nella periferia est di Roma, è stato fermato un terzo componente della banda, il 37enne connazionale P.T., tradotto nel carcere romano di Regina Coeli. Proseguono le indagini per individuare eventuali altri componenti della banda.

I fatti criminosi attribuiti alla banda risalgono al Ferragosto 2016, quando nelle notti del 17, 18 e 20 agosto l’area di servizio di Bevano Ovest, nel comune di Bertinoro, era stata teatro di altrettanti furti di gran parte del carico trasportato da mezzi pesanti parcheggiati. Gli autisti derubati se ne erano resi conto solo al risveglio quando però degli autori non vi era più traccia. La merce sottratta aveva un valore complessivo di svariate migliaia di euro ed era di vario genere (abbigliamento, calzature, generi alimentari).

Individuato il mezzo da depredare e sfruttando l’oscurità, i malviventi gli si affiancavano con autocarri facilmente manovrabili sui quali trasbordavano la refurtiva e a bordo dei quali si rimettevano in viaggio, preceduti da autovetture che facevano da staffetta, con il compito di avvisare i complici in caso di presenza indesiderata di pattuglie di polizia lungo l’itinerario. Gli accertamenti si erano concentrati su una Volkswagen Passat con targa bulgara che nel mese di agosto era stata avvistata transitare più volte nelle aree di servizio del tratto romagnolo dell’autostrada A14. Le razzie erano proseguite fino a quando nel mese di ottobre i malviventi erano stati sorpresi in flagranza di furto all’interno dell’area di servizio Sillaro. Nella circostanza avevano cercato di fuggire speronando i veicoli della Polizia Stradale di Bologna, venendo comunque catturati dopo un rocambolesco inseguimento sull’autostrada.

Adesso i tre cittadini rumeni sono sottoposti alla misura della custodia cautelare in carcere, in attesa di giudizio. 


foto di repertorio

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home