LEGGI E POLITICA

Manifestazione di autisti a Bruxelles contro la riforma del riposo settimanale a 24 ore

3 maggio 2017

La riforma dell’autotrasporto che sta per partorire l’Europa non piace a tutti. ETF, la Federazione europea dei lavoratori dei trasporti, la scorsa settimana hanno anche organizzato una manifestazione di protesta proprio a Bruxelles per protestare contro le istituzioni comunitarie e in particolare contro le proposte di riforma avanzate dalla Commissione europea per modificare le norme in materia di tempi di guida e di riposo. Ciò che proprio non va giù all’ETF è come sarà modificata la disciplina del riposo settimanale lungo, che dalle attuali 45 ore dovrebbe passare a 24. Oggi infatti è possibile effettuare, al posto di un riposo normale di 45 ore, un riposo ridotto di 24 ore, ma a patto di recuperare le ore di riposo non effettuate entro la fine della terza settimana successiva, vale a dire entro le 24 della domenica. E peraltro le ore mancanti vanno recuperate in un’unica soluzione e attaccate a un periodo di riposo di almeno 9 ore.

Tutto questo adesso sparirebbe perché il riposo settimanale si stabilizza in ogni caso a 24 ore e anche il concetto di settimana andrebbe a sparire. Nel senso che sarebbe cancellata quella definizione secondo cui la “settimana” è il periodo che va dalla mezzanotte del lunedì alle 24 della domenica.

Dopo la manifestazione una delegazione sindacale è stata ricevuta dalla commissaria ai Trasporti dell'UE Violeta Bulc. Al momento però non si conoscono gli esiti di questo incontro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home