LEGGI E POLITICA

De Monte: «Il Parlamento UE contrario alla liberalizzazione del cabotaggio»

19 maggio 2017

Liberalizzazione del cabotaggio? Il Parlamento europeo si è detto contrario, approvando una risoluzione, finalizzata a lanciare un messaggio chiaro alla Commissione, chiamata proprio entro la fine di maggio ad emanare un pacchetto normativo dedicato all’autotrasporto. Lo ha spiegato oggi a Bologna, nel corso di un convegno che si è svolto presso la sede di Federtrasporti, la parlamentare europea e componente della commissione Trasporti Isabella De Monte, specificando proprio come nel testo della risoluzione si faccia esplicito riferimento alle ipotesi di liberalizzazione del cabotaggio circolate nei giorni scorsi, secondo cui l’intento dell’organo di governo dell’Unione europea sarebbe quello di far cadere ogni limite rispetto alle operazioni di cabotaggio (attualmente sono tre), seppure da effettuare in un tempo delimitato (tre o conque giorni al posto degli attuali sette). «Il testo della risoluzione – ha aggiunto l’onorevole De Monte – e non è passata però a larghissima maggioranza, per la precisione con 336 voti favorevoli e con 268 contrari, testimoniando come anche all’interno del Parlamento esista una spaccatura verticale tra la parte occidentale e quella verticale, senza considerare che ci sono gruppi liberali che sono di per sé favorevoli a ogni ipotesi di liberalizzazione».

Altro contenuto della risoluzione sottolineato dalla parlamentare europea riguarda un aspetto che potrebbe fare la gioia di tanti conducenti e riguarda la richiesta di una «maggiore flessibilità nell'applicazione della normativa rispetto al rientro a casa dell’autista, nel senso di fornirgli la possibilità di superare il limite previsto dalle normative europea sulle ore di guida, quando si trovi ormai a un quarto d'ora o a una mezzora da casa». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home