UFFICIO TRAFFICO

Invalido al 100% guida il camion: un incidente lo smaschera

13 giugno 2017

Un banale incidente, neanche troppo grave, avvenuto la scorsa estate lungo la strada provinciale 17 di Vittoria. Viene coinvolto un camion e quando interviene la polizia prende le generalità degli autisti ed effettua i controlli di routine. Ma lì accade qualcosa che lascia sconcertati gli agenti: il conducente del camion, un tunisino di 43 anni residente in Italia, a Vittoria (Ragusa), da diversi anni, in realtà per l’Inail è un tetraplegico. Questo è quello che almeno lui ha dichiarato, presentando tutta la documentazione medica necessaria. Al punto che lo stesso istituto ormai da dieci anni gli riconosce un assegno mensile di invalidità al 100%, che in 10 anni, dal 2006 al 2016 gli aveva fatto incassare qualcosa come 223.500 euro.

A quel punto iniziano le indagini e viene appurato che in realtà la documentazione che lo faceva risultare tetraplegico e incapace di deambulare con le proprie gambe era falsa e soprattutto si appura che, mentre da una parte falsificava questi documenti, dall’altra si presentava a sostenere l’esame per acquisire le patenti necessarie per condurre un veicolo pesante. Risultando, in questo caso, di sana e robusta costituzione. Ma quel banale incidente fa cadere tutto il castello di carte costruito. Così adesso questo autista finto tetraplegico rischia fino a sei anni di carcere per truffa aggravata ai danni dell’Inail. E magari anche di restituire quanto percepito senza averne titolo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home