LOGISTICA

Art Defender, un magazzino per custodire l’arte

10 febbraio 2012
Apre a Bologna Art Defender Emilia Romagna, un impianto dedicato alla custodia, conservazione e restauro delle opere d’arte e dei beni di pregio.
La missione del progetto Art Defender è la tutela del valore dei beni d’arte e di pregio e, nell’ottica di soddisfare queste esigenze, Art Defender è in grado di offrire, con straordinari livelli di sicurezza, strutture e servizi dedicati, sia di tenore tecnico - analisi, diagnosi, restauro, decontaminazione, catalogazione, fotografia in altissima definizione - che di consulenza - finanziaria, assicurativa, fiduciaria - per i fruitori sia pubblici che privati. Banche, Assicurazioni, Fiduciarie, Fondazioni, Collezionisti, Antiquari, Gallerie d’Arte, Case d’Asta e tutti coloro che necessitano di un sistema integrato, espressione della massima tecnologia, qualità e professionalità, trovano così nella rete Art Defender lo spazio ottimale per la gestione dei propri beni e di quelli della loro Clientela.
Art Defender ha un capitale sociale di 8 milioni di euro, così ripartito: Arterìa Srl 67,13%,
Alleanza Toro Assicurazioni SpA 12,50%, Fondazione di Venezia 10% e Unione Fiduciaria
SpA 5%, Compagnia Fiduciaria Nazionale SpA 5,37%. AXA Art partecipa come partner di
progetto.
L’impianto bolognese, ad alto contenuto tecnologico e di sicurezza, sviluppa una superficie di oltre 3.500 mq ed è stato specificatamente concepito per garantire la totale sicurezza dei beni custoditi: strutture in cemento armato, porte blindate, porte corazzate, sistemi antintrusione integrati tra cui sensori volumetrici a doppia tecnologia, contatti magnetici e sensori di vibrazione, compartimentazione di tutte le superfici coperte, sistemi antincendio ad aspirazione e analisi dei fumi e gas atossici ad alta pressione in grado di saturare gli ambienti entro pochi secondi, sistemi antiallagamento, sistemi di climatizzazione e monitoraggio costante dei parametri termoigrometrici.
Le stringenti misure di sicurezza comprendono, inoltre, il controllo biometrico degli accessi, la videosorveglianza attiva24 ore su 24 sul posto e in remoto e il monitoraggio dei percorsi.
L’impianto dispone di depositi specifici per le varie tipologie di beni e spazi dedicati ai servizi di struttura che completano l’offerta alla clientela, come: celle di sicurezza di varie dimensioni, area deposito collettivo climatizzato, cassette di sicurezza, laboratorio manutenzione, area decontaminazione, sala visione, sala posa fotografica e sala riunioni.
Dopo Bologna, e Calenzano inaugurato nel 2011, nuovi centri Art Defender sono in calendario a Torino e successivamente a Venezia, Milano e Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home