UFFICIO TRAFFICO

GdF recupera tir e libera autista e guardia giurata

1 agosto 2017

Brillante operazione quella portata a termine nel pomeriggio di domenica dalla Guardia di Finanza di Foggia che ha recuperato un carico di sigarette e liberato il conducente del mezzo pesante e la guardia giurata, sequestrati durante la rapina.

Una nota delle fiamme gialle riferisce che una pattuglia di Foggia, mentre percorreva la A14, nei pressi dello svincolo di San Severo (FG), notava un tir fermo in una piazzola di emergenza, preceduto e seguito da un’Audi A6 di colore scuro e da una Fiat Panda rossa. Insospettiti, i militari si sono fermati all’altezza dello svincolo autostradale per controllare a distanza i movimenti dei veicoli sospetti. È così che hanno visto il tir, scortato dalle 2 autovetture, che usciva a San Severo, prendendo la S.S. 272 in direzione di San Marco in Lamis. Qui, con l’intervento di rinforzi, sono stati seguiti a distanza i movimenti dei veicoli sospetti. Dopo qualche minuto i militari hanno visto il camion percorrere la S.S. 272 in senso opposto al loro senso di marcia seguito dall’Audi ad altissima velocità. Invertita la marcia la pattuglia si è portata all’inseguimento del tir trovandolo dopo pochi chilometri fermo, abbandonato sul ciglio della strada. Sul posto sono intervenute anche le pattuglie della GdF di San Severo, del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato di Bari, della Polizia Stradale di Foggia e personale della Polizia Scientifica della Questura di Foggia che hanno effettuato i rilievi sull’automezzo. I rapinatori sono riusciti a fuggire ma, poco distante, sono stati rintracciati l’autista dell’autocarro e la guardia giurata visibilmente scossi. Questi hanno riferito di essere stati affiancati da due auto e, con la minaccia di fucili automatici, costretti a fermarsi per essere poi legati, incappucciati e caricati a bordo delle vetture dei rapinatori.

Il tir trasportava oltre 15 tonnellate di sigarette, per un valore commerciale di oltre 2 milioni di euro. Le indagini per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti e identificare gli autori della tentata rapina sono in corso.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home