FINANZA E MERCATO

Più camion in autostrada nel 2017: quanto è ripresa e quanto traffico straniero?

11 settembre 2017

È aumentato il traffico pesante sulle autostrade italiane. È una sensazione che abbiamo un po’ tutti, ma che adesso certifica anche Aiscat (Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori) con i propri dati: da gennaio a maggio 2017 la crescita è stata del 3,1% rispetto allo stesso periodo del 2016. Si tratta sicuramente di un dato importante, che conferma sia i dati già emersi nel corso del 2016 (tutti con incrementi a doppia cifra), sia soprattutto l'indirizzo di un'economia in movimento, visto che traffici maggiori sono sintomo di maggiore spostamento di merci e di ricchezza. Certo, non è detto che i trasporti sottostanti questi traffici siano tutti riferibili a imprese di autotrasporto italiane. Anzi, è sicuro che siano riferibili altrove, visto che tra il 2006 e il 2014 l'autotrasporto italiano ha perso il 51% di tonnellate/km, ma visto pure che nello stesso lasso di tempo le tonnellate trasportate in regime di cabotaggio sono aumentate del 67,2%.

D'altra parte, quasi a dimostrare che il dato di traffico pesante è "drogato" dalla presenza di veicoli stranieri, è il dato riferimento al transito leggero, vale a dire di normali vetture. Perché anche rispetto a queste la crescita c'è, ma è contenuta in un 1,8%.

In ogni caso – come sostiene anche Enrico Moncada, responsabile della Business Unit Truck Replacement di Continental Italia, il cui Centro Ricerche ha diffuso il dato – «la ripresa delle attività di trasporto di merci e persone è stata particolarmente sostenuta nei primi mesi dell’anno. Mancano ancora i dati sui mesi estivi, che potrebbero fornire un’ulteriore conferma del fatto che l’intero settore dei trasporti abbia intrapreso la via della ripresa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home