ACQUISTI

CharterWay, il noleggio Daimler compie 25 anni

28 settembre 2017

Taglia il traquardo del primo quarto di secolo la società della Stella che offre soluzioni di noleggio su misura per le diverse esigenze del mondo dei veicoli industriali ed è la più grande in Europa con un parco di oltre 37 mila mezzi

Venticinquesima candelina sulla torta per CharterWay. È infatti ormai un quarto di secolo che la società di noleggio di veicoli commerciali e industriali del gruppo Daimler fornisce soluzioni su misura al mondo del trasporto su strada per il nolo, la manutenzione e la gestione degli autocarri Mercedes-Benz. CharterWay è attualmente nel suo settore la società più grande in Europa, con un parco di oltre 37.000 truck. L’offerta della società comprende servizi personalizzabili su misura per ogni settore e tipo di impiego, dalla linea al cantiere, passando per i refrigerati. La capillare rete di assistenza dedicata, in Italia e in tutta Europa, include, oltre agli interventi di riparazione e manutenzione specifici per veicolo, un’ampia serie di servizi: assistenza in caso di guasti, revisioni obbligatorie, tasse automobilistiche ed assicurazione completa.

Dal 1992 a oggi il noleggio ha acquisito sempre più importanza nel comparto dei veicoli industriali; sono migliorati i tempi di consegna (sempre più stretti), si è alzata la richiesta di veicoli per gestire i picchi di lavoro preservando la liquidità dell’azienda.

Nel noleggio a lungo termine, inoltre, le aziende di trasporto possono garantirsi l’uso dei veicoli da loro richiesti, con allestimenti e dotazioni, per un determinato periodo di tempo previo pagamento di un canone fisso mensile che include un contratto di assistenza personalizzabile in base alle rispettive esigenze. Si possono poi prenotare i servizi aggiuntivi di cui avvalersi: dalla messa a disposizione di un veicolo sostitutivo in caso di manutenzione e riparazioni, all’assicurazione e alla tassa di circolazione, come anche le operazioni di revisione e gestione amministrativa. Si riducono così al minimo gli oneri di fleet management, ottimizzando la libertà finanziaria e limitando i rischi di gestione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home