UFFICIO TRAFFICO

Cresce del 6% l’autostrada viaggiante sul Brennero, ma per il Tirolo č troppo poco

13 ottobre 2017

Piace l’autostrada viaggiante (Rola) sul Brennero: nei primi nove mesi del 2017 ha accolto 121.100 camion, il 6% in più rispetto ai 114.300 dello stesso periodo del 2016. Segno che questa soluzione intermodale, seppure presuppone la salita di trattore e semirimorchio sul treno accompagnato dall’autista, offre benefici alle imprese di autotrasporto, sia in termini di alleggerimento dell’impatto sulle normative di guida e di riposo, sia di aggiramento di quei vincoli e divieti che il Tirolo austriaco impone ai mezzi pesanti. Perché il problema è proprio qui: il Tirolo. La vicepresidente di questa regione, la verde Ingrid Felipe, si è detta fermamente contenta dell’incremento registrato, anche perché la Rola connette il confine tedesco a Woergel con quello italiano a Brennersee, saltando quindi l’Austria con 36 collegamenti giornalieri, a cui vanno aggiunti i 4 che collegano Trento a Woergel. Ma il problema secondo Felipe rimane ed è frutto essenzialmente dei bassi costi di gasolio e autostrada che si registrano in Austria. Due fattori che, secondo la vicepresidente, avrebbero l’effetto di creare una sorta di “calamita” per i camion. Anzi, Felipe è convinta che il 25 per cento degli oltre 2 milioni di camion che ogni anno attraversano il Tirolo potrebbe percorrere una distanza di oltre 60 chilometri in meno e un altro 25 per cento potrebbe abbatterla di oltre 120 chilometri, ma ciò non avviene perché «sono troppo allettanti i prezzi favorevoli delle nostre valli».

Il governo del land del Tirolo spera che, durante la prossima presidenza tirolese del Gruppo Mobilità UE per lo Spazio Alpino nel 2018, le regioni di tutti i sette Paesi alpini riescano a richiamare l’attenzione sul problema del traffico di transito e ad adottare efficaci misure comuni. «Una buona proposta – conclude Felipe – relativa a un pedaggio europeo, è sul tavolo della Commissione Europea».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home