FINANZA E MERCATO

Sostenibilità e connettività: un convegno di TForma

22 novembre 2017

Il nostro parco circolante è vetusto. Composto da alte percentuali di veicoli ante Euro4 (oltre l’80%) e moltissimi (300 mila) addirittura Euro0. Uno scenario insostenibile sia sotto il profilo ambientale sia economico, con veicoli inefficienti dal punto di vista delle performance su strada e sul portafoglio dell’azienda.

Il trasporto deve quindi obbligatoriamente andare sempre di più verso una sostenibilità economica ed ambientale. Molte le soluzioni in campo: nuove propulsioni alternative (come metano, biocarburanti, elettrico), connettività dei mezzi e delle infrastrutture, intermodalità, sono solo alcune. Soluzioni che verranno approfondite in occasione del convegno “Sostenibili e connessi”, inserito nel programma TForma e in calendario il prossimo 28 novembre a Milano.

Pier Luigi Del Viscovo, del Centro Studi Fleet&Mobility,  offrirà un quadro della mobilità commerciale di oggi e di domani, dando importanti spunti su quella che sarà la logistica distributiva nei prossimi anni. Dopo di lui discuteranno dei vari temi legati all’argomento della giornata odierna Claudio Lubatti, referente dell’ANCI ed esperto di distribuzione e mobilità urbana, Guido Grimaldi in rappresentanza dell’ALIS, ma anche presidente di uno dei più grandi operatori marittimi del bacino del Mediterraneo, Rita Caroselli presidente di Assogasliquidi per un aggiornamento sulla situazione della rete del metano in Italia e in Europa, Giancarlo Perlini, responsabile marketing di Italscania, importatore del costruttore svedese Scania, che oggi propone veicoli sempre meno impattanti sull’ambiente, con propulsioni alternative al gasolio e che conta già oltre 250 mila veicoli connessi nel mondo e Antonio Malvestio, presidente del Freight Leaders Council, presenterà il Quaderno 26, dedicato alla logistica nel tempo dell’e-commerce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home