FINANZA E MERCATO

Il trasporto merci nella radiografia di Confetra: un settore in crescente salute

7 marzo 2018

Il trasporto merci va. E se non fosse un settore tradizionalmente scaramantico si potrebbe anche aggiungere che procede con il vento in poppa. Perché dai dati che emergono dalla Nota Congiunturale del 2017 elaborata dal Centro Studi Confetra si consolida ancora il trend positivo con incrementi che interessano praticamente tutti i comparti e soprattutto sia i volumi di traffico che i fatturati. Unica nota negativa – lo diciamo subito – riguarda il traffico transhipment a causa delle performance negative dei due porti di pure transhipment di Gioia Tauro (-12,4%) e Cagliari (-38,7%), nonché il traffico delle rinfuse solide (-4,7%) a causa dei dati negativi del Porto di Taranto per la crisi dell’Ilva.

Per quanto riguarda invece l’autotrasporto la crescita dei traffici a carico completo fa un salto importante del 6,1%, mentre i trasporti a collettame si fermano a un +3,5%. Ma il salto maggiore lo fanno registrare i trasporti internazionale che crescono praticamente in parallelo nei traffici (+6,5%) e nei fatturati (+6,0%).

Fanno ancora meglio gli express courier che, sotto la spinta dell’e-commerce (+10% i web shopper italiani e +17% gli acquisti on line nel paese), vedono crescere il numero delle consegne del 6,9% e i fatturati del 6%.

Appena peggio, ma sempre molto bene, viaggia il settore delle spedizioni internazionali. Anche se in questo caso sono i margini a dare maggiore respiro, visto che le spedizioni crescono del 4,2%, mentre i fatturati viaggiano a un ritmo del +5%.

Delusione piena invece dal trasporto ferroviario, che veniva da un +3,8% del 2016 e si ferma nel 2017 a un modestissimo 1,5% di crescita. A dimostrazione che la cura del ferro deve rafforzare le dosi.
Tutto all’opposto il trasporto aereo che, con un volo in termini di peso del 10% superando il milione di tonnellate trasportate, grazie a un incremento sia delle spedizioni (+5,0%), sia dei fatturati (+6,0%). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home