LEGGI E POLITICA

TAR Liguria: «La distrazione alla guida comporta la revisione della patente»

30 marzo 2018

Quando all’origine di un incidente c’è una distrazione anche banale, questa è sufficiente a far scattare la revisione della patente. È questo il senso di una sentenza del TAR della Liguria che ha rigettato il ricorso presentato da una donna che, mentre era alla guida, si è distratta per andare a recuperare il telefono che aveva nella borsa. Quindi, di fatto non l’ha nemmeno utilizzato, ma soltanto il fatto di essersi distratta per qualche secondo i giudici costituisce un comportamento pericoloso. Più precisamente il TAR ha specificato che questo comportamento «appare gravemente imprudente, con distrazione dalla imprescindibile attenzione alla guida… che giustifica i dubbi sul persistere dell’idoneità tecnica all’abilitazione alla guida».

D’altra parte una distrazione anche di pochi secondi provoca una conseguenza fatale: è come se si percorresse un tratto di strada con un benda sugli occhi. Tratto di strada che diventa tanto più lungo, tanto più si viaggia veloce.

A chiedere la revisione in questo caso era stata la Motorizzazione di Savona, che aveva sottolineato come nel caso in questione fosse grave che la perdita di controllo del veicolo fosse dipesa non da fattori esterni, ma da un motivo estremamente futile. Tesi poi effettivamente accolta dal TAR.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home