UFFICIO TRAFFICO

Rottama il camion e mette le targhe a un altro veicolo: 5.529 euro di multa

5 aprile 2018

«A pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina». Spesso, ma non sempre. Quando infatti nel pomeriggio di sabato 3 aprile la polizia municipale Nordest Vicentino ha fermato sulla superstrada Nuova Gasparona, a Thiene, un camion guidato da un autista di 50 anni residente in zona, ha sicuramente pensato male. Perché, da un controllo generale del veicolo si sono resi conto inizialmente che il numero di telaio risultava punzonato in modo anomalo. Insomma, qualcosa non andava. Ma quando poi facendo ulteriori indagini si sono accorti che anche le targhe del veicolo era in realtà riferite a un altro mezzo pesante, hanno pensato ancora peggio. O meglio, hanno pensato che quell’autista o quel camion fossero al centro di un qualche losco affare, come per esempio uno o più furti. E invece no.

Perché in realtà quelle targhe erano sì di un altro veicolo ma, dopo aver fatto le opportune verifiche, gli agenti hanno appurato che si trattava di un camion della stessa azienda proprietaria del camion fermato. In pratica, nello scorso novembre, quando l'azienda di autotrasporti in questione ha deciso di rottamare un veicolo e di targarne uno nuovo ha fatto un giochino che evidentemente nella sua testa doveva servire ad aggirare un po’ di burocrazia: hanno preso le targhe del veicolo di cui si disfaceva e le hanno montate sul veicolo nuovo. In pochi minuti tutte le trafile tra uffici si sono praticamente annullate.

Ma ovviamente questo procedimento taglia-code non è consentito. E così sono scattate le sanzioni sia per l’autista che circolava con il veicolo non in regola, sia per l’azienda proprietaria del veicolo stesso. Sommandole è venuta fuori una cifra di tutto rispetto: 5.529 euro. Quasi quasi era meglio pensar male...

 

Foto di archivio

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home