ACQUISTI

Kässbohrer, apre a Verona la sede italiana

6 aprile 2018

Il Gruppo turco Tirsan, proprietario dello storico marchio tedesco dal 2002, ha inaugurato oggi la nuova filiale tricolore all’interno dell’Interporto scaligero Quadrante Europa

Dopo cinque anni in cui erano stati i distributori locali a intervenire per suo conto sul mercato tricolore dei semirimorchi, Kässbohrer ha deciso di tornare in Italia con una presenza diretta. Il marchio tedesco, dal 2002 di proprietà del gruppo industriale turco Tirsan, ha infatti aperto stamane una nuova sede all’Interporto di Verona.

L’inaugurazione della filiale Kässbohrer Italia nel Quadrante Europa si inserisce in un progetto di riqualificazione del brand e vuole sfruttare al meglio la positiva congiuntura di mercato.

«L’Italia – ha spiegato durante la presentazione la vicepresidente di Kässbohrer, Iffet Türken – rappresenta la Nazione più strategica del trasporto europeo. Nel vostro Paese si sposano l’innovazione e l’eccellenza del prodotto, che è anche la filosofia che ci piace nello sviluppo dei nostri semirimorchi».

La scelta di Verona è dovuta alla favorevole posizione del nodo intermodale veronese, incrocio tra le autostrade del Brennero e della Serenissima e le corrispondenti linee ferroviarie.

«Lo scorso anno al Quadrante Europa – ha sottolineato Matteo Gasparato, direttore del Consorzio Zai che gestisce l’infrastruttura interportuale – sono transitate 28 milioni di tonnellate di merce, il che fa di noi il primo interporto italiano e un’interfaccia assolutamente credibile tra l’Europa e i nostri porti».

«Verona sarà il nostro centro operativo nella Penisola – ha concluso Kuntay Őzkan, dirigente di Kässbohrer Italia – Coordinerà al meglio gli oltre 60 punti vendita e post-vendita già presenti sul territorio e sarà il luogo in cui presentare ai clienti italiani i nuovi prodotti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home