FINANZA E MERCATO

Il Gruppo Spinelli entra nel capitale (30%) del Terminal Container di Salerno

11 aprile 2018

Stretta di mano tra Salerno Container Terminal e il Gruppo Spinelli che entra nel capitale sociale della società del Gruppo Gallozzi con un 30% di azioni. Per il resto il 55% resta in mano della Spa salentina, mentre il 15% è sempre di Contship-Eurogate (tramite La Spezia Container Terminal). Una composizione decisamente mista che fa capire come il porto campano metta intorno allo stesso tavolo i principali investitori privati del settore portuale italiano, con una logica di collaborazione necessaria per competere sul mercato mondiale, sempre più segnato da concentrazioni societarie. 

La carica di presidente e AD resta comunque ad Agostino Gallozzi, il cui gruppo conserva pure 4 rappresentanti nel Cda, mentre uno a testa vanno al Gruppo Spinelli, a iCon Infrastructure (che partecipa del Gruppo Spinelli) e a Contship-Eurogate. Lo stesso presidente riconfermato ha detto di essere molto contento sia dell’accordo con la famiglia Spinelli sia dell'ingresso nel capitale del fondo iCON Infrastructure, in quanto è il sintomo che, anche in una visione internazionale, lo scalo campano possiede una capacità attrattiva e strategica di tutto rispetto. 

Poi, ricordando gli investimenti in programma per il futuro, Gallozzi ha ricordato della messa in opera di 5 gru per la gestione di navi full-container di ultima generazione, dell’allargamento del parco mezzi meccanici per la movimentazione e lo stoccaggio nei piazzali, l'acquisto di aree retro-portuali ulteriori rispetto a quelle in disponibilità attuale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home