LEGGI E POLITICA

Il lavoro che cambia: un testo e un incontro per conoscere il nuovo CCNL dell'autotrasporto

23 aprile 2018

La ripresa economica c’è. Timida, incerta, mal distribuita, ma comunque tangibile sia nei volumi di merci trasportate, sia nei fatturati. Eppure, la sensazione è che si potrebbe fare di più, che questa ripartenza sia come frenata. Da cosa è presto detto: dalla concorrenza estera favorita da costi contenuti, dal dumping sociale di operatori scorretti, dalle lungaggini burocratiche, da infrastrutture non all’altezza, da un mancato ricambio generazionale soprattutto tra gli autisti, da un parco veicolare obsoleto. E poi, da un Albo degli autotrasportatori da riformare e da un contratto collettivo scaduto da più di due anni. Ma adesso che, seppure con screzi, il contratto è rinnovato, potrà diventare uno strumento di competitività? 

Per rispondere a queste domande Federtrasporti ha organizzato la Tavola Rotonda «Autotrasporto: un settore con aziende contratte» invitando a partecipare i rappresentanti delle principali associazioni di categoria. Hanno raccolto l'invito: Alberto Armuzzi, Presidente Lega Coop Produzione e servizi Emilia Romagna; Giuseppina Della Pepa, Segretario generale Anita; Claudio Donati, Segretario generale Assotir; Silvio Faggi, Segretario generale Fiap; Amedeo Genedani, Presidente Confartigianato Trasporti; Patrizio Ricci, Presidente CNA-Fita; Paolo Uggè, Vice presidente FAI-Conftrasporto. 

Nel corso dell’incontro sarà distribuito il volume «Il lavoro che cambia» realizzato da Uomini e Trasporti, per comprendere meglio i contenuti e la portata del nuovo contratto collettivo. L’autore del volume Umberto Cutolo avrà il compito di illustrare le principali novità apportate dal nuovo CCNL Logistica, Trasporto Merci e Spedizione, mentre l’avvocato Marcello Giordani farà un'analisi giuridica concentrandosi in particolare sugli aspetti più controversi, come per esempio l'affidamento del carico/scarico del veicolo direttamente all'autista, che così sarà chiamato a svolgere mansioni aggiuntive alla sola guida, ma anche a utilizzare strumenti ulteriori (come un carrello elevatore) ed essere quindi formato in tal senso.

Un’occasione per ragionare sulla direzione verso cui avanza il futuro del settore, su quali «carichi» rimuovere e su quali valorizzare per giungervi al meglio.   

In allegato il programma della mattinata.

Per partecipare è necessario accreditarsi: segreteria@gruppofedertrasporti.it (fino a esaurimento posti in sala).

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home