FINANZA E MERCATO

Arriva il sostegno al credito per le piccole e medie imprese

5 marzo 2012
Il 28 febbraio scorso è stato siglato l’Accordo relativo alle “Nuove misure per il credito alle PMI” tra Governo, Confindustria, ABI e Associazioni di rappresentanza delle imprese, per favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese. Il nuovo accordo, finalizzato a sostenere le imprese in questa difficile congiuntura, ha validità fino al 31 dicembre 2012 e prevede:
- sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate dei mutui e delle operazioni di leasing immobiliare (per il leasing mobiliare la sospensione sarà invece di 6 mesi);
- allungamento della durata dei finanziamenti a medio-lungo termine: l’allungamento, fino a un massimo di 2 anni per i mutui chirografari e di 3 anni per quelli ipotecari, potrà essere richiesto anche per i finanziamenti sospesI;
- allungamento, in caso di insoluti, delle scadenze delle anticipazioni su crediti verso clienti fino a un massimo di 270 giorni;
- finanziamenti connessi ad aumenti di capitale realizzati dall’impresa.  

Le piccole e medie imprese possono usufruire delle agevolazioni a due condizioni:
 - non devono essere classificate dalla banca “in bonis” (ossia non devono avere posizioni debitorie classificate come “sofferenze”, partite “incagliate”, “esposizioni ristrutturate” o “esposizioni scadute/sconfinanti” da oltre 90 giorni, né procedure esecutive in corso);
 -  non devono aver già usufruito delle agevolazioni in base al precedente accordo scaduto il 31 gennaio 2011.

Il termine per richiedere l’attivazione degli strumenti da parte delle imprese è il 31 dicembre 2012; in caso di mutui ancora in fase di sospensione al 31 dicembre 2012, si possono presentare domande di allungamento fino al 30 giugno 2013.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home