ACQUISTI

Telepedaggio europeo, ok della Commissione trasporti UE al dispositivo unico

25 maggio 2018

I veicoli pesanti potranno viaggiare nei Paesi dell’Unione Europea montando un unico dispositivo che funzionerà su tutte le autostrade continentali. Via libera dal 2023 anche all’eurobollo “chilometrico” per autocarri

Un unico dispositivo per tutte le autostrade UE. È l’obiettivo dell'Unione Europea, ufficializzato ieri a Bruxelles, per favorire l’avvento del servizio europeo di telepedaggio. La Commissione trasporti del Parlamento europeo ha infatti approvato a larghissima maggioranza un dossier sul telepedaggio unico che permetterà ai camion di viaggiare sulle autostrade dei paesi UE con un solo apparecchio rilevatore. Già nei mesi scorsi era giunto l’accordo tra le società di Spagna, Francia, Portogallo, Belgio e  Italia per l’utilizzo di dispositivi OBU (On Board Unit, come il nostro Telepass) operativi in tutte in queste Nazioni. Ma nel futuro il sistema verrà adottato a livello continentale, in modo da rendere omogenei gli impianti di tutti gli Stati membri – spesso non compatibili – sia dal punto di vista normativo che tecnologico. Prima però di entrare in vigore, la direttiva dovrà passare dal Parlamento Europeo ed essere negoziata con gli Stati membri, quindi le tempistiche per l’implementazione del sistema completo sono ancora incerte.

«Il telepedaggio unico europeo farà risparmiare milioni di euro a cittadini e imprese – ha dichiarato l’eurodeputato di Forza Italia-PPE, Massimiliano Salini, relatore del dossier – Parliamo in particolare di 370 milioni di euro l’anno per chi utilizza le autostrade UE, mentre le aziende che gestiscono tratti a pagamento potrebbero recuperare ogni anno 150 milioni di euro di pedaggi non versati da utenti di altri Paesi europei».

«Purtroppo ancora oggi, nel mercato unico più evoluto del mondo, gli autotrasportatori sono costretti a dotarsi di sei o sette diverse apparecchiature di bordo per effettuare i pagamenti autostradali – ha aggiunto Salini – Col nuovo sistema invece le tecnologie di telepedaggio stradale che l’Europa è disposta ad accreditare (unità di bordo con tecnologia microonde, satellitare e comunicazioni mobili) potranno convivere sul mercato e gli operatori che vorranno offrire un servizio di telepedaggio in uno Stato Ue dovranno renderlo applicabile anche negli altri».

La Commissione trasporti ha poi deciso di introdurre il bollo “chilometrico” per i veicoli pesanti che dovrebbe sostituire l’attuale Eurovignette. Per questo eurobollo si terrà conto non solo della tipologia del mezzo (pesante o leggero), ma anche del chilometraggio, in base al principio che «chi inquina di più paga di più». La proposta è di introdurre il parametro della distanza percorsa dal 2026 per i mezzi leggeri e dal 2023 per i veicoli pesanti e furgoni merci di oltre 2,4 ton. Agli Stati membri verrà chiesto di stabilire tariffe correlate alle emissioni di CO2: i camion a emissioni zero dovranno essere del 50% inferiori rispetto alla soglia minima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home