ACQUISTI

Ecco Starship, futuribile camion diesel di Shell campione d’efficienza

12 giugno 2018

La multinazionale olandese, insieme a Airflow Truck Company, ha realizzato un innovativo mezzo pesante capace di risparmiare quasi 4 km per litro e di migliorare di 2 volte e mezzo l’efficienza energetica

In tempi di progettazione di veicoli pesanti elettrici o a idrogeno, colpisce la notizia di un nuovo camion a propulsione diesel sviluppato da Shell Lubricants e AirFlow Truck Company: lo Starship. Il carburante del mezzo è infatti il solito gasolio, ma totalmente innovativa è l’elevatissima efficienza in termini di consumi.

Starship è stato progettato e costruito dalle due società per dimostrare come, attraverso l’applicazione e l’utilizzo di moderne tecnologie, anche nel settore del trasporto merci è possibile ridurre significativamente l’impiego di energia e migliorare l’efficienza energetica del mezzo.

Il truck di nuova generazione è dotato di un motore a 6 cilindri da 400 cavalli e di una coppia di 2508 Nm che spinge l'assale anteriore del trattore, e monta anche un motore elettrico, che supporta l'assale posteriore e ‘aiuta’ il termico nelle partenze e nelle salite, dove i consumi si alzano sensibilmente.

Lo Starship è stato sperimentato in un lungo viaggio coast-to-coast attraverso gli Stati Uniti. Partendo da San Diego, in California, il 18 maggio scorso e arrivando a Jacksonville, in Florida, il 24 maggio, il mezzo di trasporto ha percorso più di 3.700 chilometri (2.300 miglia) in condizioni reali, comprese soste non programmate e condizioni metereologiche avverse.

Il peso complessivo del camion era di circa 33 ton, con un carico di 18 ton, costituito da materiale corallino che sarà utilizzato per costruire una barriera artificiale al largo delle coste della Florida. Durante il viaggio sono stati monitorati il risparmio di carburante e l’efficienza rapportata al tonnellaggio, un valore che viene calcolato dividendo la distanza percorsa per la quantità di carburante consumato e moltiplicando poi la cifra risultante per il peso del carico.

Nello specifico, sono state registrate 178.4 tonnellate-miglia per gallone (68.9 tonnellate-chilometro per litro) in termini di efficienza rapportata al tonnellaggio. Si tratta di un miglioramento di 2.5 volte rispetto alla media del Nord America di 72 ton-miglia per gallone (27.8 ton-km per litro), riferita alla classica coppia trattore-rimorchio.

Inoltre lo Starship ha registrato complessivamente un risparmio medio di carburante di 8.94 miglia per gallone (3.8 chilometri per litro), battendo la media statunitense di 6.4 miglia per gallone (2.7 chilometri per litro). Queste misurazioni sono state confermate da un ente super partes, il North American Council for Freight Efficiency, utilizzando un sistema telematico di bordo.

Starship è un camion di classe 8, ovvero un autocarro pesante heavy-duty, la cui motrice ha un design 100% aerodinamico ed è realizzata in fibra di carbonio, così come le carenature laterali, il cofano e la parte anteriore.  Il mezzo utilizza l’olio lubrificante di ultima generazione Shell Rotella (commercializzato in Nord America e simile al Rimula Ultra E+ europeo), prodotto specifico per veicoli pesanti caratterizzato da bassa viscosità, con vistoso miglioramento nei consumi, e completamente sintetico, per una migliore protezione contro l’usura e i depositi e la degradazione dell’olio.

Il mezzo possiede degli active grille shutter, griglie di raffreddamento che si attivano in base alla temperatura per una maggiore aerodinamica ed efficienza e si aprono per permettere al flusso d’aria di attraversare il radiatore, arrivando al vano motore per raffreddarlo. Quando il raffreddamento non è necessario, gli shutter si chiudono automaticamente, convogliando l’aria intorno al veicolo. Il risultato è una minore resistenza aerodinamica e un ridotto consumo di carburante. Inoltre, quando la temperatura è bassa, la chiusura degli shutter riduce i tempi di riscaldamento del motore.

Un pannello solare da 5000 W, montato sul tetto del rimorchio, carica e immagazzina l’energia in un banco batteria da 48 V ed è sufficiente per far funzionare i normali impianti elettrici del camion come le luci, i tergicristalli, i motori di ventilazione, i sistemi di aria condizionata e riscaldamento e altre apparecchiature elettriche.

«Il trasporto rappresenta più di un quarto del consumo totale di energia a livello mondiale ed è responsabile di un quinto delle emissioni globali di anidride carbonica - ha commentato Robert Mainwaring, responsabile per l’innovazione tecnologica di Shell Lubricants - Il 72% di queste emissioni è imputabile al trasporto su strada e, nella maggior parte dei casi, proprio ai veicoli pesanti. Migliorare l’efficienza e il consumo di carburante nel settore del trasporto commerciale consentirebbe pertanto di effettuare numerosi passi in avanti nella riduzione di CO2… In questo senso Starship è un truck che ridefinirà il concetto di efficienza del mondo degli autotrasporti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home