ACQUISTI

Dometic CoolAir RTX, più freddo con meno rumore

12 giugno 2018

La nuova proposta di Dometic di climatizzatore da fermo per camion, disponibile in due potenze (1200 e 2000 watt), unisce una sorprendente capacità refrigerante a un funzionamento molto silenzioso. E tutti i componenti sono integrati in un unico alloggiamento

Novità di prodotto per i climatizzatori da camion ad uso stazionario. La Dometic ha messo sul mercato la nuova serie CoolAir RTX, che presenta una tecnologia completamente rinnovata, basata sull’uso di un compressore con inverter a velocità variabile. Il nuovo dispositivo è in grado di unire un’eccezionale capacità refrigerante a un funzionamento oltremodo silenzioso. Inoltre, il climatizzatore monoblocco ha tutti i componenti integrati in un unico alloggiamento, il che rende superflua ogni manutenzione (il sistema è completamente ermetico) e riduce i tempi di montaggio. Il clima si installa infatti in modo rapido e semplice e si smonta senza modifiche strutturali alla cabina, grazie a kit di installazione specifici per il veicolo.

CoolAir RTX è disponibile in due potenze per soddisfare varie necessità.  RTX 1000, con 1200 watt di potenza e fino a 12 ore di accensione, è ideale per zone climatiche temperate e, rispetto al modello precedente, fornisce più potenza raffreddante e maggior tempo di funzionamento, con un consumo energetico ridotto.

CoolAir RTX 2000, invece, è una vera e propria riserva di potenza: generando 2000 watt fino a sei ore, raffredda anche le cabine più grandi in tempi rapidissimi. Testato e approvato in Australia, è perfetto per il riposo durante il giorno o per viaggiare nelle regioni più assolate.

Altri vantaggi della serie sono il controllo preciso della temperatura, un funzionamento pratico e intuitivo e un design moderno ed elegante. Quattro le modalità operative: Auto, Eco, Manual, Boost. La distribuzione dell’aria è regolabile in base alle esigenze. Infine l’RTX è capace di funzionare fino a una temperatura ambiente di 52 °C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home