LOGISTICA

Regione Lombardia, 1,8 milioni per spostare il traffico dalla gomma al ferro

14 giugno 2018

“Dote Merci Ferroviaria”. è il nome di uno stanziamento di 1,8 milioni di euro in tre anni che la Regione Lombardia ha deliberato per favorire lo sviluppo del trasporto merci su rotaia nel suo territorio.  

Il finanziamento, proposto dall’assessore a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, è stato approvato dalla Giunta regionale sulla base di uno schema d'intesa tra Regione e Ministero dei Trasporti che integra il 'Ferrobonus' statale.

«Fino al 2020 - ha spiegato l'assessore - metteremo a disposizione delle imprese che decideranno di passare alla modalità di trasporto merci ferroviaria 600.000 euro l'anno. Il contributo ha l'obiettivo di riequilibrare il divario fra traffico su gomma e su ferro, incentivando gli operatori a trasferire dalla strada al treno almeno una parte delle merci trasportate». La delibera di Giunta stabilisce come il valore cumulato del contributo regionale e di quello statale del Ferrobonus non possa superare la soglia di 2,50 euro per treno/km.

«Le potenzialità del trasporto merci su ferro - ha continuato la Terzi - ha interessanti margini di crescita in Lombardia. Ridurre lo squilibrio esistente fra trasporto su gomma e trasporto su ferro significa, per esempio, contribuire a diminuire l'inquinamento e aumentare la sicurezza sulle nostre strade, migliorando nel complesso la qualità della vita dei cittadini».

Il provvedimento riguarda le imprese già ammesse alla misura statale. Il bonus potrà essere erogato per il traffico ferroviario con partenza e/o arrivo sul territorio regionale o per una lunghezza superiore a 150 chilometri sulla rete italiana, eccetto per i collegamenti porto-entroterra e relazioni internazionali inferiori a 150 km sulla rete italiana ma con percorrenze complessive superiori a 150 km.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home