FINANZA E MERCATO

Mercedes-Benz Trucks, 50 milioni per ampliare il Centro Test e Ricerca di Wörth

19 giugno 2018

A 10 anni dall’inaugurazione, Mercedes Benz Trucks ha deciso di ampliare il Development and Testing Center (EVZ) di Wörth am Rhein. La casa tedesca investirà 50 milioni di euro nel suo Centro test e ricerca che si occupa dello sviluppo dei veicoli industriali e commerciali.

Entro il 2020 sui terreni della sede, nel nord della Germania, verranno realizzati un nuovo edificio con uffici e officine, un altro palazzo con magazzini e banchi di prova e nuovi parcheggi per i veicoli sottoposti a test. Una volta completata l'espansione, dagli attuali 200 dipendenti al lavoro nell’EZV si passerà a circa 350 dipendenti.
La sede di Wörth, che ospita attualmente il più grande impianto di assemblaggio di Mercedes-Benz Trucks, verrà così integrata con un Centro ricerche sempre più completo e che usufruirà di tecnologie all'avanguardia e pionieristiche. Il Centro di sviluppo e test è un centro di eccellenza per Mercedes-Benz Trucks e svolge un ruolo importante sulla strada della guida connessa, automatizzata ed elettrica. Si avvale di numerosi percorsi fuoristrada e di diversi profili stradali che riproducono le strade del mondo. In questo modo, il Centro è in grado di fornire le stesse condizioni per i veicoli di prova che si trovano ad esempio in Sud America, Corea del Sud, Africa e, naturalmente, Europa. Inoltre, l'EVZ comprende una pista di rodaggio con inclinazioni fino al 49%, che può essere utilizzata per test funzionali, oltre a uffici, officine e spazi di servizio, che ospitano anche i banchi di prova per i test dei componenti del camion.

L’inizio ufficiale della costruzione è stato celebrato con il lancio simbolico di terriccio con alcune vanghe da parte dei responsabili di Mercedes-Benz Trucks, accompagnati da Volker Wissing, Ministro per l'economia, i trasporti, l'agricoltura e la viticoltura della Renania-Palatinato, Fritz Brechtel, Amministratore del distretto di Germersheim, e Dennis Nitsche, Sindaco di Wörth.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home