LEGGI E POLITICA

Il governo è indifferente all'autotrasporto: Unatras minaccia il fermo

5 luglio 2018

«Senza risposte andiamo al fermo». È questa la presa di posizione di Unatras, il raggruppamento unitario delle organizzazioni di categoria dell’autotrasporto, dopo aver atteso inutilmente per un mese che il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, rispondesse a una richiesta di incontro in cui poter illustrare le criticità urgenti di un settore decisivo per l’economia del paese. Ma a questo punto la pazienza sembra finita e, «in assenza di soluzioni concrete da parte del Governo – si legge in una lettera inviata il 4 luglio allo stesso ministro – la nostra risposta sarà il fermo dell’autotrasporto».

La mancata risposta in un lasso di tempo così lungo, secondo Unatras, è il sintomo della «totale indifferenza di questo Governo nei confronti della categoria dell’autotrasporto merci». Un’indifferenza che «sta già producendo gravi effetti alle imprese del settore: non è ancora stata emanata la circolare dell’Agenzia delle Entrate che consente le deduzioni forfettarie per le spese non documentate delle imprese di autotrasporto». E senza questa comunucazione - scrive Unatras – le imprese, «oltre a essere costrette a rimandare il pagamento delle tasse, stanno subendo danni incalcolabili». E poi c’è da discutere sulle risorse strutturali per il settore, c’è la questione del contingentamento dei confini al Brennero da parte dell’Austria, c’è la problematica delle sempre più lente revisioni, c’è la richiesta di ripubblicazione dei “costi minimi della sicurezza”. E da qualche giorno c’è pure la questione nata dopo il rinvio della fatturazione elettronica per gli acquisti di gasolio effettuati sugli impianti di distribuzione stradale che adesso Unatras chiede di estendere anche agli acquisti di carburante in extrarete.

Di fronte a tutte queste cose, se «nei prossimi giorni non arrivassero risposte concrete alle problematiche sopra esposte, le federazioni aderenti a Unatras preannunciano la decisione di proclamare il fermo dei servizi dell’autotrasporto, con modalità che saranno rese note già dalla prossima settimana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home