UFFICIO TRAFFICO

Partono i controlli sui camion esteri in cabotaggio dei documenti di distacco: sanzioni fino a 10.000 euro

12 luglio 2018

C'è voluto un po' di tempo, ma finalmente chi effettua cabotaggio in Italia con lavoratori distaccati in modo irregolare rischia una sanzione fino a 10.000 euro. La norma in realtà esiste da un anno, da quanto cioè il decreto legislativon. 136/2016 ha recepito in Italia la direttiva Enforcement, rendondo obbligatorio per imprese estere (europee e non) di comuniicare preventivamente al ministero del Lavoro l’impiego di lavoratori entro le ore 24 del giorno antecedente l’inizio del distacco o del primo trasporto di cabotaggio. Soltanto che adesso il ministero dell’Interno con una circolare datata 10 luglio rende finalmente operativa questa disposizione, perché chiarisce come vanno applicate le sanzioni quando la polizia stradale ferma uno di questi veicoli in cabotaggio e riscontra che sono sprovvisti della documentazione necessaria. Sanzioni peraltro da pagare immediatamente nelle mani dell’agente a pena del fermo del veicolo fino a un massimo di 60 giorni

In base a quanto prevista dalla circolare lacomunicazione preventiva da parte delle imprese estere rispetto allo svolgimento di un cabotaggio in Italia va effettuata esclusivamente in formato elettronico attraverso la compilazione di apposito format digitale predisposto nel portale internet del ministero del Lavoro. In caso di mancata comunicazione, sarà elevata una sanzione da 150 a 500 euro, applicata per ogni lavoratore interessato ed è posta a carico del datore di lavoro.

La comunicazione ha durata trimestrale, copre tutte le operazioni effettuate dal conducente distaccato in Italia, deve indicare anche la paga oraria lorda in euro del conducente distaccato e le modalità di rimborso delle spese di viaggio, vitto e alloggio da questo sostenute. Inoltre, questa comunicazione va tenuta a bordo del veicolo ed esibita in sede di controllo su strada della Polizia stradale. Una copia va anche conservata dal rappresentante dell’impresa in Italia.

Quando la polizia ferma un veicolo verifica la presenza a bordo del contratto di lavoro e dei prospetti paga da redarre o tradurre in lingua italiana. E laddove riscontra la mancanza di questa documentazione a bordo o anche una documentazione non conforme o non tradotta in lingua italiana, può elevare una sanzione da 1.000 a 10.000 euro che colpirà il conducente, anche se il proprietario del veicolo è obbligato in solido.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home